Jump to content
Pixie

metodo di impollinazione incrociata di Pixie

Recommended Posts

Pixie

salve a tutti,

dato che l'ho accennato in un altro post, qui m'impegno a descrivere il mio metodo d'impollinazione.

Deriva dal metodo che usiamo in campo per il miglioramento genetico del pesco, nel quale tramite analisi del DNA possiamo dire che ha un accuratezza di circa il 90% (un 10% non risulta essere figlio dell'incrocio da noi previsto). però permette di produrre un gran numero di semi in poco tempo (un seme per fiore, 3 ore per albero di medie dimensioni, che non sono tante se avete un idea di quanti fiori faccia).

questo metodo presuppone che la specie in oggetto sia ad impollinazione entomofila, partendo da questo, si elimina ciò che attrae gli insetti, la corolla, e ciò che produce il polline, le antere onde evitare autoimpollinazioni accidentali.

per far ciò ci si avvale di un castrino o emasculatore, che è una specie di pinzetta.. (ho cercato delle foto, ma niente :unknw: )

data la sua difficile reperibilità io ho usato un taglia fili (sarebbe più comodo questo modello che è similissimo al castrino, ma non avendolo...)

passo alla descrizione:

post-2401-0-66648400-1362126145.jpg

questo è il mio "castrino", dopo un paio di prove ho deciso il foro, in questo caso quello da 2.5.

post-2401-0-19824700-1362126154.jpg

disinfettare è importante, sia per i microbi che per i pollini estranei, di altre emasculazioni..

post-2401-0-13795900-1362126162.jpg

scelta del fiore, deve essere ben sviluppato e pronto a sbocciare.

post-2401-0-63789400-1362126171.jpg

si stringe il fiore nel taglia fili, appena al di sotto del punto di attacco dei petali. un taglio netto e si tira via tutto, proprio come si fa per scorticare i fili elettrici.

post-2401-0-25479900-1362126181.jpg

ovviamente capita che non venga perfetto (specie se con una mano stai facendo la foto..)

post-2401-0-90398100-1362126190.jpg

se serve pulite tutto con una pinzetta, o come si fa in campo, butti a terra il fiore.

post-2401-0-90594400-1362126200.jpg

scegli il porta polline e ne prendi una antera.(la pinzetta sempre disinfettata)

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pixie

post-2401-0-76575600-1362128410.jpg

schiacci l'antera in modo da far fuoriuscire il polline

post-2401-0-96954200-1362128418.jpg

 

post-2401-0-06099900-1362128428.jpg

impollinate strofinando l'antera sul pistillo

post-2401-0-72589700-1362128438.jpg

scegliete un colore univoco per il padre che userete per tutti gli incroci (es. il rosso per me è sempre 'peruvian purple')

in modo da non confondervi, in quanto il filo segnalerà che il frutto contiene semi ibridi e dato che la madre è certa, vi dirà chi è il padre.

post-2401-0-20957600-1362128446.jpg

create un cappietto

post-2401-0-72438700-1362128454.jpg

inserite

post-2401-0-58889100-1362128463.jpg

stringete, ma non troppo.

il lavoro è finito!!!

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pixie

se avete lavorato bene dopo qualche giorno noterete che l'ovario è gonfio.

post-2401-0-61775800-1362128873.jpg

da li in poi dovrete solo raccogliere il frutto ben maturo ed estrarre i semi!

buona fortuna!

  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf

Ottima descrizione!

 

Aggiungo solo che il fiore da cui si preleva il polline dovrebbe essere sbocciato in isolamento, altrimenti c'e' la possibilita' (sia pure remota) che le sue antere siano state sporcate con polline estraneo da un'ape dispettosa ...

 

E' anche possibile raccogliere molto polline dai fiori "padri" in modo da averne a disposizione per molte impolinazioni in sequenza, senza dover prendere ogni volta una antera.

Se le antere sono ben mature, basta una scrollatina per raccogliere grandi quantita' di polline, per esempio su un vetrino.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pixie

si, è così, ottima precisazione.

per il pesco si raccolgono rami pieni di fiori chiusi (quelli aperti si eliminano) i fiori chiusi si raccolgono e poi si strofinano uno per uno su di un retino per estrarre le antere, che vengono fatte seccare per qualche ora e poi messe in provette etichettate e se non servono subito, congelate nel freezer a -20 o a -80 rispettivamente se servono nell'anno in corso o nel successivo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vincer

Ottima descrizione e spiegazione....

 

Grazie

Ciao

Vincenzo

Share this post


Link to post
Share on other sites
grispa72

Faccio una domanda.

Per produrre semi puri di peperoncino quando in poco spazio si hanno più di 30 cultivar si può usare il metodo qui descritto o è sempre meglio insacchettare con TNT?

 

Paolo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pixie

in linea di massima si, ma se vuoi una prova inconfutabile, prova a emasculare un po di fiori senza impollinarli (segnali non si sa mai) se anche uno di questi allega allora ti conviene usare il sacchetto..

Share this post


Link to post
Share on other sites
grispa72

Grazie Pixie. Complimenti comunque per la guida: interessante ed esauriente!

 

Paolo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bonnet

molto interessante grazie mille. ottimo tutorial!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf

in linea di massima si, ma se vuoi una prova inconfutabile, prova a emasculare un po di fiori senza impollinarli (segnali non si sa mai) se anche uno di questi allega allora ti conviene usare il sacchetto..

 

Significherebbe che i fiori si possono impollinare con il vento, opzione che abbiamo sempre escluso ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pixie

non per il vento in se, potrebbero capitare contatti accidentali tra fiori di rami troppo vicini,

sia per maneggiamenti che per ondeggiamenti dovuti al vento.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace

Complimenti bella spiegazione e modo molto semplice, che potrebbe far evitare le complicazioni dei sacchetti TNT.

Penso che lo userò quest'anno.

 

Una deduzione/domanda... nel momento in cui si effettua la demasculizzazione non si rischia di autoimpollinare il fiore ? Immagino di no perché mentre la componente femminile del fiore è "matura" per essere impollinata, il polline "maschile" (fino a che il fiore non si apre) non è maturo (per cui non si rischia l' autoimpollinazione).... Giusto ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pixie

giusto, le antere sono ancora chiuse.

Share this post


Link to post
Share on other sites
pistillo

Grazie Pixie.Ottima spiegazione...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace

.... Dopo quasi due mesi e mezzo di ricerca sono finalmente riuscito a trovare lo "Spellafili" della foto di Pixie ! (lo ho pagato 2 Euro, anche se poi ho visto che in dei negozi lo vendono a 7 o 8 Euro).

Ora vado a dedicarmi ad alcune prove seguendo le istruzioni di Pixie

Share this post


Link to post
Share on other sites
lorenzo89

Domande: posso fare questo procedimento usando fiori della stessa pianta? (Immagino di si, am chiedo per certezza)

Devo necessariamente usare quello "Spellafili"? Una semplice pinzetta per levare tutto non va bene?

 

Grazie :rofl:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bertellio

Si, ma per impollinare fiori della stessa pianta ti conviene andare con un dito o un cottonfioc.

Credo, che lo scopo di questo procedimento sia evitare l'autoimpollinazione e mettere direttamente a contatto gli organi riproduttivi delle due varietà in gioco.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace

Domande: posso fare questo procedimento usando fiori della stessa pianta? (Immagino di si, am chiedo per certezza)

Devo necessariamente usare quello "Spellafili"? Una semplice pinzetta per levare tutto non va bene?

 

Grazie :rofl:

 

Secondo me puoi usare una pinzetta....... ma l' operazione risulta ancora piu' complessa. Infatti non devi "togliere tutto"... il pistillo non deve essere rimosso, né "sciupato".

Anche con questo metodo bisogna stare attenti, con la pinzetta da sola rischi ancora di piu'.

 

Si, ma per impollinare fiori della stessa pianta ti conviene andare con un dito o un cottonfioc.

Credo, che lo scopo di questo procedimento sia evitare l'autoimpollinazione e mettere direttamente a contatto gli organi riproduttivi delle due varietà in gioco.

 

Si, questo metodo è per creare "ibridi"..... però (una volta presa la mano) lo trovo comodo anche per impollinare nella stessa pianta (se si vogliono avere frutti con semi "puri").

Se invece interessa solo favorire l' impollinazione (non curandosi di garantire la produzione di semi "puri"), allora il dito o il cottonfiock vanno benissimo (ma non garantiscono che il frutto sia "puro").

Share this post


Link to post
Share on other sites
FATALII

grazie a tutti ora inizio a capire meglio tutto complimenti per la spiegazione pixie, ma puo bastare anche strofinare un fiore maturo contro il pistillo in cui si he gia effettuata la demasculizzazione per ottenere un ibrido ?

In fine una cosa volevo capire quale delle due piante porta la genetica maggiore e in quale aspetto es:del frutto- della dimensione della pianta- della potenza- ecc.. scusate l'ignoranza da quel che so il mascio da maggiori caratteri ma non so di preciso quali

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace

grazie a tutti ora inizio a capire meglio tutto complimenti per la spiegazione pixie, ma puo bastare anche strofinare un fiore maturo contro il pistillo in cui si he gia effettuata la demasculizzazione per ottenere un ibrido ?

 

Si, se in questo modo il fiore "maturo" passa il polline al pistillo (che però non deve essere già stato fecondato).

Inoltre, sul fiore "maturo" potrebbe esserci stato lasciato del polline di altro da un' ape... quindi rischi che il pistillo sia fecondato da quel polline (il fiore "maturo" dovrebbe essere stato isolato per essere certo che non ci sia altro tipo di polline)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace

Voglio ritornare su questo metodo dopo aver fatto diversi tentativi (con successo limitato, credo dovuto a miei errori).

 

Ho quindi alcune domande per capire come "aumentare" i casi di successo.

 

- Esiste un periodo del giorno in cui è meglio applicare il metodo (ad esempio la mattina presto - prima che arrivi il sole forte, oppure la sera prima che il sole cali), oppure è indifferente ?

 

- Di solito estraggo il pollne appoggiandolo su un vetrino, sul quale poi strofino il pistillo. E' un metodo equivalente a quello suggerito oppure si danneggia il pistillo in questo modo (riducendo i casi di successo) ?

 

- Il fatto di applicare delle sezioni di cannuccia per "marcare" il frutto (invece del filo) può influire negativamente ? (... è plastica, magari poi con il sole e con il peso che ha sul gambo del fiore)

 

- Escludendo i casi in cui nell' effettuare l' operazione si danneggia il fiore (alcune volte quando tolgo le antere parte anche il pistillo), ovvero:

Se faccio l' operazione di demasculinizzazione del fiore correttamente, che percentuale di allegagione in media si riscontra ? (per ora la

percentuale di successo che ho io è molto bassa, direi il 10-15%).

 

Quello che mi accade è che - anche quando l' operazione è (mi pare) condotta regolarmente - dopo qualche giorno il fiore casca (eppure adesso le allegagioni "naturali" sono tantissime).

 

Vorrei continuare ad utilizzare questo metodo (anche per fare semi puri della stessa varietà) perché l' impatto anche "estetico" è praticamente nullo. Solo che penso di dover migliorare nell' esecuzione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
FATALII

Si, se in questo modo il fiore "maturo" passa il polline al pistillo (che però non deve essere già stato fecondato).

Inoltre, sul fiore "maturo" potrebbe esserci stato lasciato del polline di altro da un' ape... quindi rischi che il pistillo sia fecondato da quel polline (il fiore "maturo" dovrebbe essere stato isolato per essere certo che non ci sia altro tipo di polline)

ok grazie della precisazione sono un po sbadato,e per quanto riguarda la genetica chi da la dimensione della pianta e chi da il sapore ?, o non varia nulla e viene sempre un mix delle due indistintamente da maschio o femmina che si usi (polline o ovaio che si usi ) ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Dean

Scusate voglio capire bene,una volta presa l'antera del "padre"e strofinata sul pistillo dovrebbe essere avvenuta l'impollinazione ok fino quì ci siamo,quello che volevo capire bene è anche se già impollinato,il pistillo rimane ovviamente all'aperto e non c'è rischio che venga "sporcato"da altro polline?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace

Scusate voglio capire bene,una volta presa l'antera del "padre"e strofinata sul pistillo dovrebbe essere avvenuta l'impollinazione ok fino quì ci siamo,quello che volevo capire bene è anche se già impollinato,il pistillo rimane ovviamente all'aperto e non c'è rischio che venga "sporcato"da altro polline?

 

No, perché:

 

1. Le api (e gli impollinatori in genere) non si posano su fiori senza petali

2. Essendo state rimosse le antere del fiore il fiore non si pò autoimpollinare

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×