Jump to content
Lonewolf

Ripasso sulle caratteristiche delle specie coltivate

Recommended Posts

Lucalex87Alba

Molto ben fatto! :) grande! :) molto utile!

Share this post


Link to post
Share on other sites
leonidas

Perdonate la mia cocciutaggine ma non ho capito bene le caratteristiche dei frutescens, che non ho mai coltivato

Stavo guardando i miei thai che sono annuum, ma mi sembra che assomiglino molto ad un frutescens...io noto solo il colore del fiore più bianco

Dove sbaglio?

post-1055-0-78880400-1427311001.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf

L'angolo del peduncolo appena prima del fiore non e' abbastanza "acuto", ma effettivamente puo' generare qualche dubbio.

Il fiore pero' ' decisamente troppo bianco.

I frutti ti toglieranno ogni dubbio, nei frutescens sono "soft" (decidui e succosi a maturazione)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
luca1973

Invece è possibile che i fiori si aprano e poi sfioriscano senza che le antere si aprano e senza quindi produrre polline... destinando il fiore alla cascola?

Mi spiego meglio, ho degli annuum indor con svariati fiori a cui ho tentato di prelevare il polline, con l'intenzione di metterlo poi a contatto col pistillo e favorire l'allegagione, ma le antere sembrano rimanere chiuse e non cedeno polline...quindi niente allegagioni....

Potrei capire se accadesse in un fiore, ma in tutti i fiori di diverse piante della medesima varietà è possibile?

Chiedo scusa se sono andato O.T.

grazie.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Hellas

Invece è possibile che i fiori si aprano e poi sfioriscano senza che le antere si aprano e senza quindi produrre polline... destinando il fiore alla cascola?

 

Sì, la cascola può manifestarsi in qualsiasi momento di sviluppo del fiore; da un bocciolo appena accennato fino ad allegagione avvenuta (molte volte anche oltre), questo fenomeno può interrompere repentinamente il processo che porterebbe alla normale maturazione finale del frutto.

Alcuni utenti, per cercare di limitare tale fenomeno, somministrano Boro alle piante in fase di fioritura/allegagione.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
luca1973

 

Sì, la cascola può manifestarsi in qualsiasi momento di sviluppo del fiore; da un bocciolo appena accennato fino ad allegagione avvenuta (molte volte anche oltre), questo fenomeno può interrompere repentinamente il processo che porterebbe alla normale maturazione finale del frutto.

Alcuni utenti, per cercare di limitare tale fenomeno, somministrano Boro alle piante in fase di fioritura/allegagione.

Grazie Danio!

La cosa strana è che mi sta capitando per tutti i fiori delle 4 piante di una medesima varietà di C. annuum... le antere sembrano rimanere chiuse, mentre per altre varietà fortunatamente questo non avviene... :logik:

Ho pensato che possa dipendere dal fatto che siano indoor... e che questa varietà patisca la "cattività" più delle altre, spero solo non si tratti di piante sterili....

Il concime liquido che sto dando molto allungato una volta a settimana, da quando le ho spostate dalla LB alla finestra, per far superare tale stress, contiene anche boro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
biopeppers

Avrei due domande.

 

1)

 

Ricordiamo che 1 seme=1 granulo di polline

 

nella mia coltivazione mi è capitato di avere un frutto di Chinense senza semi, probabilmente per il fatto di essere maturato senza raggiungere le dimensioni dovute (almeno penso). Ora se è giusta la teoria 1 seme=1 granulo di polline, chi è stato ad impollinare il mio fiore?

 

2)

Da quando ho iniziato con questa passione mi è sempre venuto naturale associare i super hot ai Chinense. E' giusto o ci sono super hot di altra specie?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf

1) Quando avviene l'impollinazione, parte subito la formazione del frutto. Poi puo' succedere che la formazione del seme si blocchi, ma il frutto si forma ugualmente.

Questi frutti si chiamano "partenocarpici" e sono abbastanza frequenti a inizio o fine stagione, anche tutto l'anno in alcune specie come C.flexuosum.

Il frutto rimane piccolo perche' non ha semi, non il contrario (non ci sono semi perche' e' piccolo)

 

2) Tutti i super-hot noti sono C.chinense

Share this post


Link to post
Share on other sites
joefish

Visto che siamo a lezione....

 

Comprai una bustina di semi di pomodoro con scritto "Pomodoro gigante senza semi"

che da quel che dice Claudio e' la stessa cosa (o quasi) del C.flexuosum.

 

Ma non ho ancora capito come sia possibile? Sembra un po' la storia dell'uovo e della gallina.

Share this post


Link to post
Share on other sites
biopeppers

Claudio mi hai fatto venire in mente una frase di un mio prof. molto disponibile a chiarimenti: sembro essere diventato un jukebox, inseriscono il gettone e io parlo...

Io proporrei una laurea honoris causa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf

L'assenza di semi puo' anche essere frutto di selezione umana o mutazioni.

Le banane in commercio, per esempio, non hanno mai semi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
joefish

mmm non capisco.

Ho immaginato che ci fosse una selezione genetica ma il punto oscuro per me e' se il pomodoro e' senza semi

da dove escono i semi che compro per far nascere pomodori senza semi?

Da piante "progettate" per fare frutti con semi che sono modificati per non fare semi nel futuro?

 

E per la banana, ma i semi non sono quei puntini neri?? che ignoranza.... :sorry::blush:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf

La produzione di semi commerciali spesso utilizza i cosidetti "ibridi F1"; il produttore dei semi mantiene linee pure di padre e madre e le incrocia (ogni anno) per produrre un "figlio" con caratteristiche intermedie.

Questo "figlio" puo' avere, tra le particolarita', anche quella di non produrre semi o produrli non vitali (questa particolarita' e' spesso dovuta a poliploidia)

In ogni caso, anche se ci sono semi, non daranno vita ad una pianta con le stesse caratteristiche perche' appariranno caratteri recessivi ecc.

 

I punti neri nelle banane sono semi abortiti; tutte le banane commerciali sono prodotte da cloni.

 

Maggiori spiegazioni qui:

https://it.wikipedia.org/wiki/Partenocarpia

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
joefish

Grazie, preciso e chiaro come sempre :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
gianni48

Scusa Claudio ma, dato che sono riuscito a far crescere un bel flexuosum vorrei sapere se quel tronco che vedo nella penultima foto della scheda...

http://www.pepperfriends.com/forum/topic/10883-capsicum-flexuosum/

... è proprio il fusto di un flexuosum ... e se è così, che diametro può avere?

Ho notato che i miei hanno fusto e rami più lignificati rispetto agli altri peperoncini e suppongo che nelle zone di origine possano diventare dei piccoli alberi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf

Ti riferisci ai fusti delle piante al centro, immagino ... il tronco a sinistra (40-50 cm di diametro) ovviamente non e' un Capsicum :lol:

 

Quella variante di C.flexuosum e' qualcosa di diverso da quello che coltiviamo (forse una specie nuova), ma comunque molto simile.

Naturalmente in quelle zone le piante non muoiono in inverno e possono crescere molto; in quel caso specifico i fusti piu' grossi avevano diametro di 5-6 cm e svettavano fino a 5 metri (con forma slanciata)

In altri casi ho trovato piante (di altre specie) con fusti molto piu' grossi; un C.cornutum a Cunha aveva un diametro alla base di almeno 10 cm e con ogni probabilita' era una pianta vecchia di 30 anni.

In un altro caso ho visto un C.buforum con un fusto strisciante lungo almeno 8 metri e polloni "secondari" alti 3 m.

Ovviamente non possiamo replicare simili mostri nei nostri climi.

 

La specie piu' impressionante e' il C.caatingae; lignifica molto rapidamente, ha accrescimento monopodiale (non biforca, cresce in altezza ed emette getti laterali secondari, come un abete per intenderci); e' un vero albero.

 

Notevole anche il C.caballeroi; in letteratura sono riportati individui alti 7 metri.

 

Sarebbe interessante capire quanto grande puo' diventare un Wild Pepperlover in ambiente dove non ci sia mai rischio di gelate.

Considerando che puo' arrivare a 3 metri d'altezza e almeno 2 di diametro chioma in un anno (in vaso), cosa potrebbe diventare a terra in 5-6 anni?

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Umberm

Sarebbe interessante capire quanto grande puo' diventare un Wild Pepperlover in ambiente dove non ci sia mai rischio di gelate.

Considerando che puo' arrivare a 3 metri d'altezza e almeno 2 di diametro chioma in un anno (in vaso), cosa potrebbe diventare a terra in 5-6 anni?

E' certamente proibito portare via semi... ma è anche proibito lasciarne qualcuno se per caso si passa in Bolivia o nel sud del Brasile? :lol:

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
eleonora

Waw, visto solo adesso questo topic.

Grazie Claudio. 

Anche se sono ancora tantissime le domande che vorrei fare. Ad esempio,  non ho mai capito il maschile e il femminile, ma questo è un altro argomento. Almeno ora posso provare a  destreggiarmi nel riconoscimento dei vari peperoncini. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf
6 hours ago, eleonora said:

non ho mai capito il maschile e il femminile

 

In che senso?

Share this post


Link to post
Share on other sites
eleonora
13 hours ago, Lonewolf said:

 

In che senso?

Mi era sfuggita questa domanda.

I fiori di Capsicum sono ermafroditi, contengono tutti sia la parte femminile (ovario e pistillo formato da stilo+stigma) che maschile (stami formati da filamento+antere)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf

Se è una domanda, la risposta è SI.

Sono anche in grado di autoimpollinarsi, cioè il polline di un fiore può fecondare il pistillo dello stesso fiore; questa è la base per la produzione di semi puri, cioè da autoimpollinazione (va bene anche l'impollinazione tra fiori diversi della stessa pianta).

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
eleonora

Adesso ho capito.  Ce ne sono cosa da imparare..

Share this post


Link to post
Share on other sites
Epsilon
On 10/7/2018 at 3:33 PM, eleonora said:

Ad esempio,  non ho mai capito il maschile e il femminile, ma questo è un altro argomento.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×