Jump to content
giampiero007

Aumentare ed accellerare Fruttificazione

Recommended Posts

giampiero007

Un consiglio....

Dato che si sta avvicinando la stagione fredda, volevo accellerare un pò la fruttificazione e la maturazione dei frutti che ho già sulle mie piante.

Considerate che già sto usando un concime granulare FITO BLUorto già sblianciato sul potassio ( sembra che il titolo sia 12 - 9 - 19) che già mia ha dato ottimi risultati.Pensavo però di aggiungere un po' di solo potassio per velocizzare il tutto prima del freddo.Ho visto che la Cifo ha una linea di concimi mono elemento tra cui appunto il potassio. Voi che ne pensate è fattibile l' aggiunta di potassio e eventualmente non concimo con il granulare ( considerate che la prossima concimazione la dovrei fare prox settimana) oppure continuo con il concime granualare?

Mi affido a Voi.. ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Luigi55

Secondo me non è necessario aggiungere altro concime, la pianta regola l'assorbimento secondo le sue necessità, penso invece che l'accellerazione dei tempi di maturazione avvenga naturalmente con l'accorciarsi delle ore di luce e l'abbassarsi delle temperature, in quanto sentendo l'avvicinarsi della stagione fredda la pianta accellera la maturazione per permettere la produzione di frutti e quindi dei semi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
tribo75

Esistono diversi prodotti più o meno naturali per favorire la crescita, la fioritura e l'allegagione.

Parlo di acido giberellico o di composti multivitaminici con amminoacidi, però l'utilizzo è consigliato nella ripresa vegetativa e nelle prime fasi di crescita e fioritura.

Adesso che sono già presenti i frutti e dato che stai già usando un fertilizzante a sbilanciato verso P e K credo che si possa fare granchè.

Puoi provare a proteggere i frutti con dei sacchetti di TNT nel caso che la temperatura di notte scenda troppo ma non penso che sia un problema visto che abiti a Roma.

Share this post


Link to post
Share on other sites
giampiero007

Grazie Tribo,

Appunto perchè sochen si può fare granchè mi chiedevo se aggiungere un pò di potassio potesse dare un ulteriore accellerata alla cosa..Di azoto,magnesio ecc...non credo che ci sia bisogno perchè le piante sono sanissime e belle.Il dilemma era solo se ci fosse qualcosa che accellerasse la fruttificazione, ti precio che inoltre le piante stanno già mettendo nuove gettate di fiori...mi preoccupavo che poi non maturasse il tutto prima del freddo perchè anche se sono a Roma, la temperatura comincia già a calare a 16° gradi la notte....

Share this post


Link to post
Share on other sites
madreluna

...ricordati che la pianta ne assorbe al massimo un tot, di solito si stabilizza da solo, quindi un eventuale sovraddosaggio potrebbe produrre solo sgradevoli effetti....... ti consiglio di lasciar fare alla natura, vedrai che in questo periodo le piante mettono il turbo, e sicuramente avrai frutti maturi prima della fine della stagione.....

---se proprio vuoi potresti asportare i nuovi fiori per permettere alla pianta di concentrare sforzi e nutrimenti solo nella maturazione....... ma è solo una ipotesi....... io preferisco che la pianta si regoli da sola...

ciao ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
Piccantilly

Ciao giampiero007, hai visto quanti validi consigli ti sono arrivati ??

penso che sei approdato nel posto giusto per soddisfare la tua curiosità e le tue esigenze di pepper-coltivatore.

 

Vorrei fare un passo indietro per darti alcune nozioni sulla maturazione dei frutti.

 

I frutti di tutte le piante si dividono in due categorie:

frutti climaterici, i quali producono una grande quantità di etilene, un ormone vegetale che porta velocemente a maturazione questo tipo di frutta. Sono frutti climaterici mele, albicocche, cachi, avocado, banane, fichi, kiwi, mango, pesche, pere, ecc. Questi frutti sono quelli che maturano anche dopo essere stati raccolti, anzi alcuni di essi, come l'avocado, maturano solo dopo essere stati raccolti perché la pianta produce una sostanza che inibisce l'etilene finché il frutto non viene staccato.

I frutti non climaterici non producono grandi quantità di etilene e la loro respirazione diminuisce gradualmente dopo la raccolta, e anche la loro maturazione.

Tra questi vi sono: mirtilli, more, lamponi, fragole, ciliege, cetrioli, uva, pompelmi, limoni, lime, olive, arance, peperoni, ananas, melanzana, zucca, melograno. L’etilene ha anche degli effetti su alcuni frutti non climaterici, ma senza alterare le qualità organolettiche. Ad esempio con i limoni e le arance stimola la degradazione della clorofilla della buccia e porta alla colorazione gialla o arancio ma non altera il loro contenuto zuccherino o la loro acidità.

 

Tuttavia, non è necessariamente vero che i frutti non climaterici non continuino a maturare una volta raccolti, come non è vero che quelli climaterici continuano necessariamente a maturare una volta raccolti.

 

I frutti climaterici sono quelli che si possono conservare più a lungo acerbi e con maggiore efficacia perché, grazie all'atmosfera controllata e alla somministrazione controllata di etilene, è possibile raccoglierli appunto acerbi e portarli rapidamente a maturazione quando necessario. Il caso più eclatante è quello delle banane, raccolte verdi e poi fatte maturare dopo il trasporto.

 

I fitormoni che regolano la maturazione del frutto sono l'etilene (più importante) e l'auxina.

 

Una manovra molto pratica che si effettua per far maturare i frutti è quella di porre vicino a frutti non climaterici alcuni frutti climaterici i quali, liberando etilene, inducono la maturazione dei primi (la famosa mela messa vicino ai pomodori).

E' chiaro che, con una siffatta manovra, ad una maturazione del frutto non necessariamente corrisponde una maturazione del seme. In effetti la maturazione accelerata del frutto si utilizza per scopi commerciali di vendita e di consumo, non per avere semi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
giampiero007
Ciao giampiero007, hai visto quanti validi consigli ti sono arrivati ??

penso che sei approdato nel posto giusto per soddisfare la tua curiosità e le tue esigenze di pepper-coltivatore.

 

Vorrei fare un passo indietro per darti alcune nozioni sulla maturazione dei frutti.

 

I frutti di tutte le piante si dividono in due categorie:

frutti climaterici, i quali producono una grande quantità di etilene, un ormone vegetale che porta velocemente a maturazione questo tipo di frutta. Sono frutti climaterici mele, albicocche, cachi, avocado, banane, fichi, kiwi, mango, pesche, pere, ecc. Questi frutti sono quelli che maturano anche dopo essere stati raccolti, anzi alcuni di essi, come l'avocado, maturano solo dopo essere stati raccolti perché la pianta produce una sostanza che inibisce l'etilene finché il frutto non viene staccato.

I frutti non climaterici non producono grandi quantità di etilene e la loro respirazione diminuisce gradualmente dopo la raccolta, e anche la loro maturazione.

Tra questi vi sono: mirtilli, more, lamponi, fragole, ciliege, cetrioli, uva, pompelmi, limoni, lime, olive, arance, peperoni, ananas, melanzana, zucca, melograno. L’etilene ha anche degli effetti su alcuni frutti non climaterici, ma senza alterare le qualità organolettiche. Ad esempio con i limoni e le arance stimola la degradazione della clorofilla della buccia e porta alla colorazione gialla o arancio ma non altera il loro contenuto zuccherino o la loro acidità.

 

Tuttavia, non è necessariamente vero che i frutti non climaterici non continuino a maturare una volta raccolti, come non è vero che quelli climaterici continuano necessariamente a maturare una volta raccolti.

 

I frutti climaterici sono quelli che si possono conservare più a lungo acerbi e con maggiore efficacia perché, grazie all'atmosfera controllata e alla somministrazione controllata di etilene, è possibile raccoglierli appunto acerbi e portarli rapidamente a maturazione quando necessario. Il caso più eclatante è quello delle banane, raccolte verdi e poi fatte maturare dopo il trasporto.

 

I fitormoni che regolano la maturazione del frutto sono l'etilene (più importante) e l'auxina.

 

Una manovra molto pratica che si effettua per far maturare i frutti è quella di porre vicino a frutti non climaterici alcuni frutti climaterici i quali, liberando etilene, inducono la maturazione dei primi (la famosa mela messa vicino ai pomodori).

E' chiaro che, con una siffatta manovra, ad una maturazione del frutto non necessariamente corrisponde una maturazione del seme. In effetti la maturazione accelerata del frutto si utilizza per scopi commerciali di vendita e di consumo, non per avere semi.

Che fosse il posto giusto già lo immaginavo perke ho tratto molte informazioni utili per la coltivazione, ma sicuramente non immaginavo tutto questo calore da parte vostra ( anche se era inevitabile causa capsaicina :hug: )

Per tutte queste informazioni che mi hai postato però non riesco a capire se vuoi dirmi se posso far proseguire la maturazione delle bacche anche dopo la raccolta ed è meglio evitare le concimazioni, oppure se posso accellerare la maturazione con fitormoni e roba del genere...mi sono un pò perso...

:lol:;) ;) :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Piccantilly
Che fosse il posto giusto già lo immaginavo perke ho tratto molte informazioni utili per la coltivazione, ma sicuramente non immaginavo tutto questo calore da parte vostra ( anche se era inevitabile causa capsaicina ;) )

Per tutte queste informazioni che mi hai postato però non riesco a capire se vuoi dirmi se posso far proseguire la maturazione delle bacche anche dopo la raccolta ed è meglio evitare le concimazioni, oppure se posso accellerare la maturazione con fitormoni e roba del genere...mi sono un pò perso...

:lol::hug:;):lol:

 

eheheh sei simpaticissimo ;)

 

secondo me puoi accelerare la maturazione dei frutti sulla pianta.

 

La maturazione accelerata dei frutti raccolti la utilizzi quando non hai a disposizione la pianta (ad es. per le banane, non avendo ovviamente la pianta, acceleri la maturazione del frutto già raccolto)

 

Nel tuo caso, avendo pianta e frutti, puoi accelerare la maturazione direttamente sulla pianta, che è la cosa migliore.

 

Il metodo è semplicissimo: isola con TNT (Tessuto Non Tessuto) la pianta intera e poni all base del vaso (ma sempre all'interno della tenda fatta con TNT) alcuni frutti climaterici (ad es. un paio di mango). Aspetta e vedrai che i peppers maturerano più velocemente

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
giampiero007
eheheh sei simpaticissimo :lol:

 

secondo me puoi accelerare la maturazione dei frutti sulla pianta.

 

La maturazione accelerata dei frutti raccolti la utilizzi quando non hai a disposizione la pianta (ad es. per le banane, non avendo ovviamente la pianta, acceleri la maturazione del frutto già raccolto)

 

Nel tuo caso, avendo pianta e frutti, puoi accelerare la maturazione direttamente sulla pianta, che è la cosa migliore.

 

Il metodo è semplicissimo: isola con TNT (Tessuto Non Tessuto) la pianta intera e poni all base del vaso (ma sempre all'interno della tenda fatta con TNT) alcuni frutti climaterici (ad es. un paio di mango). Aspetta e vedrai che i peppers maturerano più velocemente

 

Perfetto...ora ho capito perfettamente... :lol: il TNT per intenderci è quello delle tute degli imbianchini? giusto?

Share this post


Link to post
Share on other sites
madreluna

...più o meno, ne esistono di varia grammatura, quello per uso agricolo è un po' meno spesso di quello delle tute perche deve lasciar passare aria e luce ma non acqua e freddo, lo trovi ai vari consorzi agricoli, oppure (anche se costa un po' di più) anche nei vari brico...... addirittura anche gia a forma di sacco......

Share this post


Link to post
Share on other sites
giampiero007

>BUongiorno Ragazzi,

Dato che oggi riesco ad uscire per andare a comprare i Mango e il TNT per poi preparare tutto stasera, mi è venuto un altro dubbio....ma i frutti climaterici vanno messi interi nei vadi o aperti? Scusate la mia insicurezza ma per le mie " piccole" volgio fare tutto perfetto :thumbsup:

Share this post


Link to post
Share on other sites
peppox
>BUongiorno Ragazzi,

Dato che oggi riesco ad uscire per andare a comprare i Mango e il TNT per poi preparare tutto stasera, mi è venuto un altro dubbio....ma i frutti climaterici vanno messi interi nei vadi o aperti? Scusate la mia insicurezza ma per le mie " piccole" volgio fare tutto perfetto :thumbsup:

 

interi.

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
giampiero007

Grazie peppox... :thumbsup:

Share this post


Link to post
Share on other sites
giampiero007

Allora io ho trovato 2 mango dopo un intensa ricerca...ma non ho trovato il tnt agricolo che dice madreluna..

Intanto che cerco dove reperire sto TNT posso mettere il mango o deve essere per forza coperta la pianta? :lol: :lol: :lol: :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Piccantilly
Allora io ho trovato 2 mango dopo un intensa ricerca...ma non ho trovato il tnt agricolo che dice madreluna..

Intanto che cerco dove reperire sto TNT posso mettere il mango o deve essere per forza coperta la pianta? :lol: :lol: :lol: :lol:

 

l'etilene è un fitormone gassoso. Se non copri la pianta il suo effetto è diminuito. Sistema il mango sul terriccio nelle vicinanze del fusto della pianta.

Ti ho inviato un MP

Share this post


Link to post
Share on other sites
giampiero007
l'etilene è un fitormone gassoso. Se non copri la pianta il suo effetto è diminuito. Sistema il mango sul terriccio nelle vicinanze del fusto della pianta.

Ti ho inviato un MP

 

Perfetto...grazie per il suggerimento in mp..

 

:lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites
giampiero007

Sembrerà incredibile ma la pianta di Naga e quella di Haba Choco a cui ho messo i frutti mango alla base, dopo solo 12h stanno già virando i frutti da verde a arancio rosso..e tutto questo senza TNT che per il momento devo ancora reperire...

Non so se sia solo visto che non mi aspettavo un cambiamento così repentino....ma itanto grazie "GURU" Piccantilly ;) ;) :friends:;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Piccantilly

grazie a te giampiero007, ho cercato solo di darti un buon consiglio .... non sempre ci riesco !! B)

 

Hai l'opportunità di pubblicare le foto di questi frutti prima e dopo esposizione all'etilene ??

Share this post


Link to post
Share on other sites
hot cat
...ma non ho trovato il tnt agricolo che dice madreluna..

Intanto che cerco dove reperire sto TNT :D :D B) B)

Non hai vicino un Centro per il fai da te??

un centro per il giardinaggio??

un supermercato??

qui a Bergamo il TnT lo trovi dappertutto!! :( :( (o quasi :D )

Share this post


Link to post
Share on other sites
Luigi55

Una notizia dell'ultima ora su una televisione locale che verrà pubblicata a breve in una importante rivista scientifica.

 

Una equipe di ricercatori di Cagliari, sono riusciti ad isolare una sostanza (non ricordo il nome dato), molto più potente dell'etilene, che riesce a detta dei ricercatori ad accellerare la maturazione dei frutti di parecchio, come esempio hanno detto che la loro sostanza riuscirebbe a far maturare l'uva inveve che in tre mesi, in un solo mese.

 

La sostanza viene estratta dal fico d'india, non vedo l'ora di leggere l'articolo completo sulla rivista

Share this post


Link to post
Share on other sites
pioc
grazie a te giampiero007, ho cercato solo di darti un buon consiglio .... non sempre ci riesco !! :D

 

Hai l'opportunità di pubblicare le foto di questi frutti prima e dopo esposizione all'etilene ??

 

Piccantilly ma i mango li hai consigliati perchè più idonei (= + etilene) rispetto, ad esempio, alle mele mature?! B)

 

 

 

Una notizia dell'ultima ora su una televisione locale che verrà pubblicata a breve in una importante rivista scientifica.

 

Una equipe di ricercatori di Cagliari, sono riusciti ad isolare una sostanza (non ricordo il nome dato), molto più potente dell'etilene, che riesce a detta dei ricercatori ad accellerare la maturazione dei frutti di parecchio, come esempio hanno detto che la loro sostanza riuscirebbe a far maturare l'uva inveve che in tre mesi, in un solo mese.

 

La sostanza viene estratta dal fico d'india, non vedo l'ora di leggere l'articolo completo sulla rivista

 

Questa notizia è 'ona' B) !!!

Luigi55 appena ne saprai qualcosa in più siamo tutt'occhi!

 

:(

Share this post


Link to post
Share on other sites
sbrunazz

Ciao a tutti...interessantissima discussione...e anche utilissima...anche io ho delle piante di habanero che hanno i frutti ancora verdi....e sono preoccupato che nn arrivino a maturazione...poichè qui a torino il tempo sta diventando sempre più freddino....siamo arrivati ad avere una temperatura notturna di 15° se nn minore e come massima 23/25°....quindi proverò pure io ad usare le mele...

 

la domanda che vorrei fare è un altra...premettendo che il sistema funziona....la piccantezza dei frutti sarà minore!?...o uguale ad un frutto portato a maturazione con i tempi e i ritmi che la pianta decide!?!?!...B)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Piccantilly

Interessantissima notizia !!

 

Complimenti ai Ricercatori

 

Per saperne di più, cercherò di trovare la rivista scientifica dove hanno pubblicato la ricerca

Share this post


Link to post
Share on other sites
Piccantilly
Piccantilly ma i mango li hai consigliati perchè più idonei (= + etilene) rispetto, ad esempio, alle mele mature?! B)

 

Il mango libera molto etilene, soprattutto quando viene staccato dalla pianta. il rapporto con la mela dovrebbe essere 100:1

 

 

Ciao a tutti...interessantissima discussione...e anche utilissima...anche io ho delle piante di habanero che hanno i frutti ancora verdi....e sono preoccupato che nn arrivino a maturazione...poichè qui a torino il tempo sta diventando sempre più freddino....siamo arrivati ad avere una temperatura notturna di 15° se nn minore e come massima 23/25°....quindi proverò pure io ad usare le mele...

 

la domanda che vorrei fare è un altra...premettendo che il sistema funziona....la piccantezza dei frutti sarà minore!?...o uguale ad un frutto portato a maturazione con i tempi e i ritmi che la pianta decide!?!?!...:(

 

Indubbiamente i caratteri organolettici del frutto maturato sulla pianta dovrebbero essere migliori. E' il caso delle banane ed ananas che noi mangiamo: sono tutti staccati acerbi dalla pianta e fatti maturati con etilene .... e chi ha avuto la fortuna di mangiare questi frutti maturati sulla pianta dice che sono tutta un'altra cosa.

Nel caso dei peperoncini la maturazione accelerata avviene sulla pianta, ma una differenza con quelli maturati con il normale ritmo circadiano, secondo me, esiste.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×