Jump to content
Near

La mia nuova coltivazione

Recommended Posts

L0rdn40
6 minutes ago, Near said:

E immagino che quel frutto sarà il famoso F1, e solo le piante prodotte da i suoi frutti sono F2, giusto?

Mi chiedevo anche, scusami tutte queste domande ma sono giovane e curioso haha, il fiore impollinato non dovrebbe già creare un frutto ibrido, con le prime caratteristiche di un frutto non "tutto" di quella pianta?


Corretto. Il frutto ibridato darà vita ai semi F1 che manifesteranno sempre e solo i caratteri dominanti (esempio colore Rosso). I semi di questa F1 daranno a loro volta alla luce semi F2 che una volta seminati manifesteranno sia i caratteri dominanti (esempio Rosso) che recessivi (esempio giallo).

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Near
2 minutes ago, L0rdn40 said:

Il bianco lo ottieni 1 vota su 64.

Eh immagino, non è un colore molto comune nei frutti, comunque grazie E quindi da i semi di quel bianco si produrranno piante piante dai frutti bianchi, bene.

 

4 minutes ago, L0rdn40 said:

Per ottenerlo va ibridato un frutto portatore del gene y (giallo) con uno portatore del gene cl (marrone o altro verde). In F1 avrai tutti frutti di colore rosso mentre in F2 avrai frutti rossi, gialli, marroni e verdi. Il verde compare 1 volta su 16.

 Mi permetto di dire che la natura è faovolosa.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Near
2 minutes ago, L0rdn40 said:


Corretto. Il frutto ibridato darà vita ai semi F1 che manifesteranno sempre e solo i caratteri dominanti (esempio colore Rosso). I semi di questa F1 daranno a loro volta alla luce semi F2 che una volta seminati manifesteranno sia i caratteri dominanti (esempio Rosso) che recessivi (esempio giallo).

quindi una volta che ibrido un fiore, solo quando i semi del frutto che produrrà faranno dei frutti,potrò vedere qualche cambiamento, strano però, perchè in teoria il frutto che quel singolo fiore produrrà lo produce non col suo polline quindi, quell'unico frutto ibridato già nella sua pianta di partenza dovrebbe essere diverso da tutti i frutti che invece si sono autoimpollinati.

Share this post


Link to post
Share on other sites
L0rdn40
1 hour ago, Near said:

quindi una volta che ibrido un fiore, solo quando i semi del frutto che produrrà faranno dei frutti,potrò vedere qualche cambiamento, strano però, perchè in teoria il frutto che quel singolo fiore produrrà lo produce non col suo polline quindi, quell'unico frutto ibridato già nella sua pianta di partenza dovrebbe essere diverso da tutti i frutti che invece si sono autoimpollinati.


Si infatti è così. Cambierà la forma del frutto, la piccantezza, il sapore ed altri aspetti regolati da caratteri dominanti in F1. Ad esempio a parte il colore dei frutti se ibridi una pianta a foglie scure con una a foglie chiare avrai in F1 solo piante a foglie scure perché il gene responsabile della ritenzione delle antocianine é un carattere dominante. Se ibridi un c. baccatum con un c. chinense in F1 vedrai fiori con spot gialli ed antere scure mente in F2 si manifesteranno anche fiori bianchi e/o con le antere gialle del c. baccatum. Quello che vedrai solo da F2 in poi sono tutti i caratteri recessivi. Ad esempio se ibridi un frutto rosso con uno giallo in F1 avrai solo frutti rossi, in F2 sia frutti rossi che gialli.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Near
1 hour ago, L0rdn40 said:


Si infatti è così. Cambierà la forma del frutto, la piccantezza, il sapore ed altri aspetti regolati da caratteri dominanti in F1. Ad esempio a parte il colore dei frutti se ibridi una pianta a foglie scure con una a foglie chiare avrai in F1 solo piante a foglie scure perché il gene responsabile della ritenzione delle antocianine é un carattere dominante. Se ibridi un c. baccatum con un c. chinense in F1 vedrai fiori con spot gialli ed antere scure mente in F2 si manifesteranno anche fiori bianchi e/o con le antere gialle del c. baccatum. Quello che vedrai solo da F2 in poi sono tutti i caratteri recessivi. Ad esempio se ibridi un frutto rosso con uno giallo in F1 avrai solo frutti rossi, in F2 sia frutti rossi che gialli.

Grazie FANTASTICO, adoro tutto ciò

Share this post


Link to post
Share on other sites
L0rdn40
10 hours ago, Near said:

in teoria il frutto che quel singolo fiore produrrà lo produce non col suo polline quindi, quell'unico frutto ibridato già nella sua pianta di partenza dovrebbe essere diverso da tutti i frutti che invece si sono autoimpollinati.

 

10 hours ago, Near said:

Mi chiedevo anche, scusami tutte queste domande ma sono giovane e curioso haha, il fiore impollinato non dovrebbe già creare un frutto ibrido, con le prime caratteristiche di un frutto non "tutto" di quella pianta?


Non so se stamattina sono stato chiaro nella spiegazione perché non avevo colto appieno il senso di queste domande quotate ma quando dico che vedrai dei cambiamenti li vedrai comunque in F1, quindi dalla pianta che nascerà dai semi ibridati. Il frutto di partenza, nato da un fiore impollinato con polline di un’altra pianta, sarà uguale ed identico ai frutti autoimpollinati. L’impollinazione incrociata non cambia in alcun modo il frutto di una pianta. Il mio discorso rimane valido se parliamo da F1 in poi come avevo comunque specificato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Near
1 hour ago, L0rdn40 said:

 


Non so se stamattina sono stato chiaro nella spiegazione perché non avevo colto appieno il senso di queste domande quotate ma quando dico che vedrai dei cambiamenti li vedrai comunque in F1, quindi dalla pianta che nascerà dai semi ibridati. Il frutto di partenza, nato da un fiore impollinato con polline di un’altra pianta, sarà uguale ed identico ai frutti autoimpollinati. L’impollinazione incrociata non cambia in alcun modo il frutto di una pianta. Il mio discorso rimane valido se parliamo da F1 in poi come avevo comunque specificato.

Ah ok ho capito, grazie si infatti non avevo capito, ma ci sta una spiegazione per questo? Non ne capisco il senso se i cromosomi che si mischiano vengono dal dna dei due fiori, le caratteristiche dovrebbero esserci subito no?

 

In più ci sta una lista di tutte le ibridazioni fatte?

Share this post


Link to post
Share on other sites
L0rdn40
7 hours ago, Near said:

Ah ok ho capito, grazie si infatti non avevo capito, ma ci sta una spiegazione per questo? Non ne capisco il senso se i cromosomi che si mischiano vengono dal dna dei due fiori, le caratteristiche dovrebbero esserci subito no?


Scientificamente non saprei spiegarti il motivo per cui i frutti autoimpollinati sono uguali a quelli ottenuti per impollinazione incrociata ma di sicuro è così, qualcuno qui sul forum aveva anche fatto dei test su questo. Penso il motivo sia da ricercare nel fatto che il frutto non é ancora il “figlio” delle due piante ma è l’ovaio del fiore che una volta fecondato dal polline si ingrossa e sviluppa al suo interno i semi che sono sono i portatori delle informazioni genetiche, tant’è che ogni seme, anche dello stesso frutto, può dare alla luce esemplari anche totalmente diversi dal momento che ogni seme equivale ad un granello di polline che ha fecondato il fiore e può capitare anche che nello stesso frutto ci siano semi derivati da pollini di varietà diverse (ad esempio qualche seme autoimpollinato e qualcuno ibridato).

 

7 hours ago, Near said:

In più ci sta una lista di tutte le ibridazioni fatte?


Se parli delle nostre su Pepperfriends si, le trovi quasi tutte in questa sezione:

 

http://www.pepperfriends.com/forum/forum/194-incrocicrosses/

 

Se ti riferisci a tutte le ibridazioni fatte in generale è probabilmente un numero che tende all’infinito. Considera che praticamente le varietà esistenti sono tutte in un certo senso delle ibridazioni in alcuni casi naturali, dovute allo sviluppo delle specie nel tempo (dai uno sguardo qua), in altri “manuali” fatte per ottenere determinate caratteristiche e poi stabilizzate.

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf
8 hours ago, Near said:

grazie si infatti non avevo capito, ma ci sta una spiegazione per questo? Non ne capisco il senso se i cromosomi che si mischiano vengono dal dna dei due fiori, le caratteristiche dovrebbero esserci subito no?

 

Solo l'embrione all'interno del seme ha i cromosomi "mischiati", tutto il resto del frutto e dei semi è prodotto dalla pianta madre, quindi ha i cromosomi della pianta madre e ne condivide le caratteristiche.

 

Se l'effetto dell'impollinazione incrociata fosse subito evidente nei frutti, parte dei frutti di qualsiasi pianta (senza protezioni in condizioni che consentono l'impollinazione incrociata) sarebbero diversi dalle attese ... e non solo nei peperoncini!

Immagina lo scenario; piante di pomodoro Cuore di bue con frutti grandi come datterini, alberi di mele Golden Delicious che producono frutti rossi, alberi di pere Williams che producono frutti scuri e rugginosi ecc ecc ... e questo per ogni specie e varietà di albero da frutto o ortaggio.

E' evidente che l'ipotesi non regge ... :no: 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Near
59 minutes ago, Lonewolf said:

E' evidente che l'ipotesi non regge ... :no: 

ok no giustamente ha senso, perchè tanto i frutti vengono consumati, e solo i semi di cui si sa la purezza vengono poi riutilizzati e o venduti, ok si ha senso

Share this post


Link to post
Share on other sites
Near
2 hours ago, L0rdn40 said:

non é ancora il “figlio” delle due piante ma è l’ovaio del fiore

sisi ora ho capito grazie mille. Adesso mi guardo meglio i due link che mi hai gentilmente linkato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace
On 12/11/2021 at 12:48 PM, Near said:

 

Mi chiedevo anche, scusami tutte queste domande ma sono giovane e curioso haha, il fiore impollinato non dovrebbe già creare un frutto ibrido, con le prime caratteristiche di un frutto non "tutto" di quella pianta?


Sul resto ti soino già state date credo risposte.
Su questo punto - che è un 'errore' che molti fanno - invece non mi pare, chiedo scusa in anticipo se mi sono perso io la risposta.

Tu stai dicendo..... se incrocio il fiore della pianta A con il polline della pianta B il frutto che ne viene fuori avrà già le caratteristiche 'miste' di 'padre' e 'madre'.

Ho capito bene ? 

 

In tal caso la risposta è NO - salvo un piccolo dubbio che cito dopo

 

Infatti i caratteri genetici non si passano alla 'bacca'... o frutto se preferisci ma ai SEMI.

Quindi.... i semi di quel frutto conterranno i caratteri genetici del 'padre' .. ovvero il polline.... e della 'madre' 'fecondata' da quel polline.

Quindi.... vedrai gli effetti di quell' incrocio solo seminando quei semi .... le piante che ne cresceranno avranno caratteri intermedi fra le due varietà secondo le regole di 'dominanza' usuali in tutta la genetica.

 

Ma quale è l' unico 'dubbio' al riguardo.
Riguarda SOLO la piccantezza di quel frutto. Se incroci una cultivar piccante con una non piccante, avrai sicuramente - in generazione F1 - dei frutti piccanti MA essendo i semi - portatori del carattere piccante - attaccati alla placenta... ovvero la parte piu' piccante del frutto ..... puo' darsi che influiscano 'da subito' sulla piccantezza stessa del frutto. 

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Near
1 minute ago, Rapace said:

Ho capito bene ? 

Grazie mille, ora è tutto molto chiaro anche sulla piccantezza, che sinceramente non mi ero posto ma me lo sarei posto quindi grazie. Ma un dubbio persiste, come decido quale sarà la madre o quale sarà il padre. Mi spiego meglio. Ho guardato e "studiato" la tabella degli incorci possibili tra annuum, chinense, ecc e ok. Ma mettiamo il caso io abbia scelto le due piante, in base a cosa scelgo quale farà da "grembo" e quale no. Se ad esempio una pianta genera frutti grandi e una frutti piccoli è meglio impollinare quella che genera frutti grandi? Magari perchè così escono fuori più semi che ne so. (anche se in realtà da quello che ho capito, ogni seme corrisponde a un singolo granello di polline )

Grazie in anticipo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace
24 minutes ago, Near said:

Grazie mille, ora è tutto molto chiaro anche sulla piccantezza, che sinceramente non mi ero posto ma me lo sarei posto quindi grazie. Ma un dubbio persiste, come decido quale sarà la madre o quale sarà il padre. Mi spiego meglio. Ho guardato e "studiato" la tabella degli incorci possibili tra annuum, chinense, ecc e ok. Ma mettiamo il caso io abbia scelto le due piante, in base a cosa scelgo quale farà da "grembo" e quale no. Se ad esempio una pianta genera frutti grandi e una frutti piccoli è meglio impollinare quella che genera frutti grandi? Magari perchè così escono fuori più semi che ne so. (anche se in realtà da quello che ho capito, ogni seme corrisponde a un singolo granello di polline )

Grazie in anticipo

 

Sinceramente mi sono posto il 'problema' ma da un altro punto di vista, mai da quello che hai citato tu.....

Io scelgo sempre di far fare da madre alla pianta che ha il gene recessivo che mi interessa.
Ad esempio se mi interessa il colore del frutto ed incrocio un 'giallo' con un 'rosso', so che in F1 avrò tutti frutti rossi, in quanto il rosso domina..... allora scelgo come madre la pianta che produce frutti gialli.

E tu ora mi dirai... ma perchè ?

 

Semplice, perché nonostante tutte le attenzioni che possiamo applicare alle modalità di incrocio...... tipicamente il 'metodo di Pixie'..... c'è sempre la possibilità che il polline della pianta madre sia quello che ha fecondato.
Ad esempio, delle volte le antere si aprono ancora prima che si apra il bocciolo........ 


Ma se risemino e mi vengono frutti rossi... allora sono sicuro che ho incrociato come volevo....

 

Il dubbio è solo sul polline.... perché il fiore fecondato è 'attaccato' alla pianta madre.... quindi...... come in altri casi 'La madre è certa'....il padre un po' meno.

 

Vero quello che dici sul granello di polline.....un granello un seme.

Certo..... se la pianta madre è un Tepin.... con frutti molto piccoli...... il frutto non potrà contenere tanti semi come un Albanian Red Hot o un Topepo o un' altra varietà con frutti molto piu' grandi..... io personalmente pero' non ho mai trovato 'rilevante' tale ragionamento, che magari è anche giusto se l' obiettivo è avere molti semi da un frutto.

 

Riguardo alle tabelle....... non è ancora tutto chiarissimo.... esistono piu' tabelle in giro.... anche se alcuni incroci sono sicuramente possibili ed altri sono sicuramente impossibili....... ma alcuni casi sono 'dubbi', mentre altri possono fornire semi non vitali... magari alle generazioni successive.

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
L0rdn40
35 minutes ago, Near said:

Ma un dubbio persiste, come decido quale sarà la madre o quale sarà il padre.


Negli incroci interspecifici, tra specie diverse, spesso sei obbligato. Ad esempio C. chinense X C. annuum da vita quasi sempre a piante con VLS ovvero una sindrome che causa foglie deformi mentre il reciproco da vita a piante normali. Con C. baccatum X C. chinense hai più probabilità di avere semi fertili del reciproco.

 

In altri casi é questione di scelta, ad esempio C. cardenasii X C. pubescens da vita ai classici Rocopica con i fiori viola mentre C. pubescens X C. Cardenasii da spesso vita a piante con il fiore bianco.

 

Negli ibridi intraspecifici non ho avuto evidenza di differenze sostanziali tra un ibrido ed il suo reciproco, forse una certa tendenza in F1 a mantenere le dimensioni e la forma dei frutti della pianta padre ma è solo una mia supposizione. Tuttavia

 

37 minutes ago, Near said:

Se ad esempio una pianta genera frutti grandi e una frutti piccoli è meglio impollinare quella che genera frutti grandi? Magari perchè così escono fuori più semi


Questa é certamente una cosa molto intelligente da fare.

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Near
32 minutes ago, Rapace said:

 

Sinceramente mi sono posto il 'problema' ma da un altro punto di vista, mai da quello che hai citato tu.....

 

25 minutes ago, L0rdn40 said:

Negli incroci interspecifici, tra specie diverse, spesso sei obbligato.

Grazie mille ad entrambi, prendo spunto e assorbo informazioni utilissime 😁. Tanto fino a giugno di fiori non ne vedrò.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Near

Aggiornamento 1:

 

900327223_WhatsAppImage2021-12-20at08_54_49.jpeg.d22f4146b1f3f412aafdece55c2d46f2.jpeg

Le piantine totali sono 4 su 6.

Sono nate :

- 2 carolina reaper caramel

- un habanero chocolate

- un habanero peach.

l'habanero peach è nato con tre foglioline, non so se significhi qualcosa.

A tutti e 4 ho aggiunto poco poco fertilizzante per dargli tutte le proprietà di chi hanno bisogno.

Ho comprato 3 luci da 30cm l'una a 6400k proprio come mi ha detto @L0rdn40. Entro natale avrò creato il circuito che collegherà tutte e tre le luci, a cui attacco anche un interruttore, non si sa mai. Per ora basta ma spero che in questi giorni nascano anche i restanti peperoncini.

Grazie della lettura.

 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Batigolle
8 minutes ago, Near said:

l'habanero peach è nato con tre foglioline, non so se significhi qualcosa

E' successo anche a me , niente di particolare

 

Accendi le luce prima possibile , mi sembra di notare che le giovani piantine stiano 'filando' , per mancanza di luce

Share this post


Link to post
Share on other sites
Near
Just now, Batigolle said:

mi sembra di notare che le giovani piantine stiano 'filando' , per mancanza di luce

in che senso filando?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Batigolle
1 minute ago, Near said:

in che senso filando?

 

Quando hanno poca luce , i gambi delle giovani piantine si allungano ( filano ) , invece di crescere più lentamente e fortificarsi

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Near
2 minutes ago, Batigolle said:

invece di crescere più lentamente e fortificarsi

ah allora si cerco di rimediare il prima possibile, grazie

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Near

Aggiornamento

Ho costruito la light box amatoriale e per adesso la crescita delle piante va bene.

p0.jpeg.174c99096863bf15176f14a994ddf6fe.jpeg

 

p1.jpeg.c3632fdf46d66c02d2b75502530b0901.jpeg

 

e questa è la mia light box amatoriale fatta grazienai consigli di tutti ma sopratutto di  @L0rdn40.

 

p.jpeg.9041e574f8740fb8826c705f4307411a.jpeg

unica cosa è che sia il seme dell'jalapeno che sopratutto i molteplici semi de habanero white bullet non sono ancora germogliati.

ho provato sia in terra che in scottexbox, ma forse non l'ho messa abbastanza al buio la scottexbox. Boh.....

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
L0rdn40
4 hours ago, Near said:

ho provato sia in terra che in scottexbox, ma forse non l'ho messa abbastanza al buio la scottexbox. Boh.....


Il problema dello scottex non penso sia il buio. Che io sappia la luce non influisce se non per il fatto che potrebbe favorire la muffa. Ricordami, come li hai tenuto al caldo sia quelli in terra che sullo scottex?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Near
5 hours ago, L0rdn40 said:


Il problema dello scottex non penso sia il buio. Che io sappia la luce non influisce se non per il fatto che potrebbe favorire la muffa. Ricordami, come li hai tenuto al caldo sia quelli in terra che sullo scottex?

Allora quelli sullo scottex sono in una scatolina ermetica piccola ma tanto sono due semi, e quelli in terra stavano in una scatola chiusa in una scatola più grande che faceva calore di per sè

Share this post


Link to post
Share on other sites
L0rdn40
8 hours ago, Near said:

Allora quelli sullo scottex sono in una scatolina ermetica piccola ma tanto sono due semi, e quelli in terra stavano in una scatola chiusa in una scatola più grande che faceva calore di per sè


Allora, quelli che posi su scottex l’ideale sarebbe dargli calore mettendo la scatolina su di un modem o un deconder ed è di sicuro la soluzione che sceglierei. Quelli che metti in terra potresti posizionarli su di un termosifone come fa vedere Rapace a questo link.


Il punto è la necessità di garantire temperature comprese tra i 25º ed i 30º per massimizzare la germinazione. Va bene anche uno sbalzo termico che per qualche ora faccia scendere ulteriormente le temperature. In assenza delle soluzioni dette sopra o dovresti comprare un tappetino riscaldante, oppure potresti provare a mettere i vasetti direttamente nella growbox (ma non conosco le temperature della tua, a me di questi periodi difficilmente salgono sopra i 20º).

 

Per il resto mi sembra che le piante stiano venendo su bene e considera comunque che per l’habanero anche 15-20 giorni per germinare non sono molti. Lo Jalapeno invece dovrebbe metterci meno.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×