Jump to content
Leonardo Bruno

La lotta alla cimice asiatica che minaccia la nostra agricoltura si fa con la produzione di insetti “antagonisti”: il viaggio nella biofabbrica

Recommended Posts

Lonewolf

Molto interessante!

Certo che per noi, appassionati di coltivazione, lavorare in quella "fabbrica" sarebbe una sorta di incubo :lol:

 

I parassitoidi di cimice asiatica sono già in circolazione (anche sul mio balcone! :) ), speriamo riescano davvero a contrastare il problema.

L'unico neo, per ora, è il fatto che non mi azzardo più a schiacciare un "moscerino" prima di averlo esaminato; potrebbe essere uno sciaride o afide alato, ma anche un Trissolcus sp, un Anastatus bifasciatus o un parassitoide di afidi :rolleyes:

 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Epsilon

Chi ha scritto il titolo? La Wertmüller?!? 😄

Share this post


Link to post
Share on other sites
eleonora

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Buffus

Voi avete notato una reale diminuzione di cimici asiatiche quest'anno? Io onestamente no.....e ci sono pochissime cimici verdi normali anche 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf
1 hour ago, Buffus said:

Voi avete notato una reale diminuzione di cimici asiatiche quest'anno?

 

Si!

Strana la differenza, visto che in linea d'aria abitiamo a meno di 10 km.

 

Devo dire che ho cambiato posizione alle piante, dal balcone alla terrazza vicino al giardino.

Sicuramente i balconi con piante sono un richiamo irresistibile.

Nella nuova posizione invece ho visto pochissime asiatiche, un numero circa equivalente di cimici autoctone e pochissimi frutti danneggiati.

Ancora meglio a casa di mia mamma, a Colognola ai Colli (ancora piu' vicino a te): nella monocoltura di Vanuatu praticamente non ho visto cimici, forse 3-4 in tutto.

L'anno precedente non c'era un frutto sano ...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Buffus

eh benon dai, si vede che a Monteforte ste vespe samurai non hanno mica tanta voglia di venirci eheh

Bisogna anche dire che abito veramente in mezzo ai campi di vigne e, storicamente, la quantità di cimici che ho visto qua è sempre stata decisamente maggiore che a Caldiero-Colognola!

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×