Jump to content
Rapace

Rapace's Ropastiera Hot

Recommended Posts

Rapace

Annuncio che sto iniziando a preparare questo Dolce-Piccante.

 

Inutile che metta la ricetta completa della Pastiera, con il rischio di scrivere qualche "bestemmia" che mi costerebbe l' amicizia di qualche amico campano.

Se qualche campano volesse postare quella "sua originale" (perché ho la sensazione che ne esistano diverse varianti come per molti piatti tradizionali dove ogni famiglia ha la sua).

 

Comunque... gli ingredienti sono quelli della Pastiera "classica".

Stesse proporzioni MA con una differenza.

 

Per i Canditi anziché metà canditi di cedro e metà di arancio usate 60% di canditi di cedro e 40% di canditi di Rocoto Manzana (piccante).

Rocotos Canditi.jpg

 

Ed adesso...... vado a preparare la Ro-pastiera.

 

Pastiera Hot.jpg

 

Il risultato sarà postato non appena finito......

 

Se qualcuno vuole favorire, mi ci vorrà ancora abbastanza tempo.... quindi chi fa un salto a Firenze oggi potrà assaggiarla.... 

 

Tutti invitati ! (solo oggi però :D)

 

... a dopo 

 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
joefish

Bene bene, sei uomo di parola.

Detto... Fatto :D

 

E per non essere da meno

 

 

Pastiera.png.5125270a085d4280f8cd88ed01e0ca9a.png

 

PastaFrolla.png.fa4e41cf54f0b723caf5028317b97642.png

 

Questa e' la ricetta di un famoso libro di pasticceria Napoletana

"Il grande libro della pasticceria napoletana" Piero Serra e Lya Ferretti, Franco di Mauro Editore

che purtroppo non si trova piu' o e' molto difficile da trovare.

 

 

L'altra ricetta che io seguo e' quella che e' riportata sul barattolo di grano cotto Chirico e che si puo' trovare a questo link:

 

http://www.granochirico.it/ricetta-pastiera-napoletana-chirico/

 

 

Aggiungo che come ha detto Carlo ci sono 10000 varianti che ognuno apporta e ovviamente rende la propria ricetta

la migliore al mondo.

Per i miei gusti dopo anni di sperimentazioni abbiamo scoperto che usare la ricotta troppo fresca rende la pastiera 

un po' troppo molliccia, il sapore non cambia ma la consistenza si.

Infine bisogna trovare il giusto metodo di cottura che varia da forno a forno.

In media 180 gradi per un'ora e mezza e riscaldamento solo sotto.

 

 

 

 

 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace

Grande Peppe !

 

Intanto si procede.

Questa è una ricetta praticamente in "tempo reale" (posto mentre la sto facendo). 

 

01 Preparazione.jpg

02 Preparazione.jpg

 

 

 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
eleonora

io ad esempio metto 3 uova intere e 2 rossi  senza montare a neve l'albume.Volendo si può passare con il tipico passaverdure il grano una volta cotto, in questo modo verrà una creme che renderà più morbido il ripieno, concordo con Joe che  il preparato del grano riposi una notte in frigo 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace

Anche la mia versione è un po' diversa (ovviamente..... Lorella dice che la pastiera è come il ragu'...... o se si vuole restare in Toscana la pappa al pomodoro o la panzanella o la ribollita o i crostini di fegatelli (ovvero ci sono delle basi comuni ed "intoccabili" ma poi ce ne' una versione per ogni famiglia).

E' anche il suo bello.

 

Io ad esempio metto un po' piu' di grano,  4 uova (3 intere + 1 tuorlo) ed un po' meno di canditi (e non ho idea di cosa sia la "cocozzata"). Uso la scorza di 1 solo limone.

Comunque ovviamente la mia è una pastiera da novizio..... d' ora in avanti cercherò di seguire la ricetta di Peppe.

 

La mia pastiera ha una storia che vi voglio raccontare (non questa versione, ma la pastiera "normale", con i canditi di arancio).

 

Non la avevo mai fatta, ma è da sempre il mio dolce preferito in assoluto.

 

Allora una volta dopo una discussione con Lorella sull' argomento (che si vantava ovviamente di averla fatta piu' volte ed a "regola d' arte") ho lanciato (per ridere una sfida).

"Facciamo una pastiera io ed una te, le facciamo assaggiare a parenti ed amici e poi chiediamo quale era la migliore".

 

Lei dice "va bene, se proprio vuoi ma non puoi improvvisare, comunque falla tu questo fine settimana e poi io la faccio la prossima settimana".

La ho fatta...... ed è stato un successo eclatante....

 

Risultato...... per due anni Lorella non ha piu' fatto la pastiera :D

 

... Sfida vinta per abbandono dell' avversario :)

 

Per sicurezza comunque non la ho mai fatta assaggiare ad un napoletano :)..... ci vuole rispetto per queste ricette e per le loro origini (come per tutte le ricette tipiche delle varie zone della nostra bella Italia, dall' Alto Adige in giu' fino a Lampedusa senza esclusioni.

 

Comunque... nel frattempo la fase "preparatoria" della Ropastiera è completata..... 

 

03.jpg

04.jpg

05.jpg

06.jpg

07.jpg

08.jpg

 

IN FORNO !

 

09.jpg

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
eleonora

:yes:

Share this post


Link to post
Share on other sites
eleonora

PÉTTOLA o PÉTTULA Illustro qui brevissimamente la parola partenopea: péttola o péttula Dirò subito che con tali termini si indica innanzi tutto l'ampia falda posteriore della camicia d’antan ,quella che dentro o fuori i pantaloni insiste sul fondo schiena; estensivamente e per traslato, con i medesimi termini, si indica quella che in toscano è detta sfoglia, 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace

Ed ecco il risultato finale.


Adesso la facciamo raffeddare e poi .... assaggio :)

 

Ropastiera.jpg

 

 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
joefish

Bellissima!

 

 

La cocozzata e' la zucca candita :D Penso che non si usi da anni.

 

 

12 minutes ago, Rapace said:

Adesso la facciamo raffeddare e poi .... assaggio :)

 

Questo e' un altro punto di grande discussione, anche nella stessa famiglia.

Secondo me la pastiera si mangia il giorno dopo dopo essere stata in frigorifero.

Perche' a me piace con la pasta frolla umida, non croccante e friabile.

E anche sulla temperatura c'e' discordia :lol:

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace

Beh,

 

Io non ho resistito e la ho assaggiata poco fa (dopo averne portato un pezzo alla mamma per la sua festa :) ).

Per me non ha tradito.

E' molto buona, non è troppo friabile ne' troppo umida.
Ed il rocoto si sente ed aggiunge (per me) valore (capsico !) :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Oban
5 hours ago, Rapace said:

Anche la mia versione è un po' diversa (ovviamente..... Lorella dice che la pastiera è come il ragu'...... o se si vuole restare in Toscana la pappa al pomodoro o la panzanella o la ribollita o i crostini di fegatelli (ovvero ci sono delle basi comuni ed "intoccabili" ma poi ce ne' una versione per ogni famiglia).

E' anche il suo bello

Vero, ad esempio in casa mettiamo pochi canditi e pochissimi aromi (acqua di fiori), fredda di frigo mi piace di più in effetti.

 

A Roma @andrea93 mi aveva chiesto la ricetta per fare i canditi con i peperoncini, non ho saputo rispondergli e non ho ritrovato alcun thread a riguardo, qui sul forum.

 

Brava Lorella che ti ha fatto "scoprire" cuoco provetto, di dolci peraltro, difficilissimi a mio avviso.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace
7 minutes ago, Oban said:

A Roma @andrea93 mi aveva chiesto la ricetta per fare i canditi con i peperoncini, non ho saputo rispondergli e non ho ritrovato alcun thread a riguardo, qui sul forum.

 

In effetti c'era un topic che adesso però non è piu' accessibile (chiedo all' amministratore....si puo' forse riattivare ?) se non erro era nella pagina iniziale che adesso è stata (credo) riutilizzata per il DB.

 

Comunque, io faccio cosi':

 

1 litro di acqua ed 1 Kg di zucchero per 2 Kg di frutta.

 

Taglio i Rocoto a pezzi grossi, togliendo i semi e la placenta.

 

In una pentola faccio bollire l' acqua e lo zucchero per 5 minuti, poi aggiungo i Rocoto e li faccio bollire per 15 minuti.

 

Poi li scolo e li metto ad asciugare lasciando il "succo" di acqua e zucchero nella pentola.

 

Il giorno dopo ripeto l' operazione e cosi' via per 3 o 4 giorni fino a che il succo è completamente assorbito.

 

Poi lascio a riposare ancora facendo scolare per l' ultima volta.

 

A questo punto sono pronti. (ovviamente poi per metterli in pastiera li faccio a pezzetti piccoli).


Stesso procedimento per Cedro, Limone ed Arancia (per gli agrumi utilizzare frutta non trattata e con la buccia spessa... usare solo la buccia) 

  • Like 1
  • Thanks 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
andrea93

Una volta bolliti li lasci scolare? Oppure li metti dentro allo sciroppo? Come invece ho trovato in altre ricette...

Share this post


Link to post
Share on other sites
eleonora

Carlo adesso dovresti provare con la cassata, i canditi sopra uno strato di ricotta....:wub:

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace
12 hours ago, Rapace said:

 

In effetti c'era un topic che adesso però non è piu' accessibile (chiedo all' amministratore....si puo' forse riattivare ?) se non erro era nella pagina iniziale che adesso è stata (credo) riutilizzata per il DB.

 

Comunque, io faccio cosi':

 

1 litro di acqua ed 1 Kg di zucchero per 2 Kg di frutti (o Rocoto)

 

Taglio i Rocoto a pezzi grossi, togliendo i semi e la placenta.

 

In una pentola faccio bollire l' acqua e lo zucchero per 5 minuti, poi aggiungo allo sciroppo cosi' ottenuto i Rocoto e li faccio bollire per 15 minuti nello sciroppo stesso..

 

Poi li scolo e li metto ad asciugare lasciando il "succo" di acqua e zucchero (lo sciroppo) nella pentola.

 

Il giorno dopo ripeto l' operazione bollendo i rocoto nello sciroppo per 15 minuti e poi mettendoli a scolare e cosi' via per 3 o 4 giorni fino a che il succo è completamente assorbito.

 

Poi lascio a riposare ancora facendo scolare per l' ultima volta.

 

A questo punto sono pronti. (ovviamente poi per metterli in pastiera li faccio a pezzetti piccoli).


Stesso procedimento per Cedro, Limone ed Arancia (per gli agrumi utilizzare frutta non trattata e con la buccia spessa... usare solo la buccia) 

 

Ho leggermente modificato quanto sopra per essere piu' chiaro.

 

8 hours ago, andrea93 said:

Una volta bolliti li lasci scolare? Oppure li metti dentro allo sciroppo? Come invece ho trovato in altre ricette...

 

Li faccio bollire nello sciroppo, poi li lascio a scolare e poi ripeto il giorno dopo l' operazione (vedi sopra, forse ora è piu' chiaro).

 

8 hours ago, eleonora said:

Carlo adesso dovresti provare con la cassata, i canditi sopra uno strato di ricotta....:wub:

 

Puo' essere un' idea

Share this post


Link to post
Share on other sites
eleonora
On 13/5/2018 at 4:38 PM, joefish said:

Bellissima!

 

 

La cocozzata e' la zucca candita :D Penso che non si usi da anni.

 

 

 

Questo e' un altro punto di grande discussione, anche nella stessa famiglia.

Secondo me la pastiera si mangia il giorno dopo dopo essere stata in frigorifero.

Perche' a me piace con la pasta frolla umida, non croccante e friabile.

E anche sulla temperatura c'e' discordia :lol:

 

Altro punto di discussione è la conservazione, cioè andrebbe mangiata il giorno dopo, ma non conservata in frigo.

Quante cose da imparare. Comunque la pastiera è una delizia divina, anche se ogni parente che ho a Napoli ha una sua ricetta, una ad esempio mi ha fatto provare la pastiera con il grano passato dopo averlo cotto, rimane molto meno secca e più morbida!!!  

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Epsilon
On 13/5/2018 at 12:54 PM, Rapace said:

poi ce ne'

 

AAAAAAAAAHHHHH!!!!! :w00t:

 

:D:D:D

Share this post


Link to post
Share on other sites
eleonora

:sorry:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace
1 hour ago, Epsilon said:

 

AAAAAAAAAHHHHH!!!!! :w00t:

 

 

Sinceramente non ho capito (chiedo venia per le mie limitazioni congenite)

 

- Non ti piace la ricetta ?

- Volevi cercare di far passare l' appetito postando un video di uno che si spara in testa ?

- Volevi segnalare un errore grammaticale che è un errore di battitura ?

- Volevi manifestare in modo molto originale l' apprezzamento per la ricetta ?

- Volevi declamare il tuo amore per la grammatica italiana (o tedesca ? o inglese ?)

- Non sapevi che i vecchi programmatori usano l' apostrofo al posto dell' accento ? (ok ok....manca un apostrofo ma è quello l'errore di battitura - PS: avevo scritto battura invece di battitura ma me ne sono accorto ed ho corretto).

 

:D:D:D

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Epsilon

...e comunque sono uno scettico... per giudicare DEVO assaggiare: PROVVEDI! :D:D:D

Scherzi a parte, sono convinto che sia ottima e ti invidio da morire :)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
eleonora

Io non ho capito nulla, purtroppo non capisco l'inglese....

Share this post


Link to post
Share on other sites
Epsilon

La vicenda è basata sulla figura del "Grammar Nazi".

Non so se sei introdotta a questa espressione; è il modo in cui vengono definite le persone, specie su Internet, che correggono sempre la grammatica altrui.

In questo caso, il "Grammar Nazi" è proprio... un "Nazi" :) e come tutti i "Grammar Nazi" finisce lui stesso, dopo aver corretto più volte la grammatica del povero malcapitato (che nasconde un'ebrea), per commettere un errore grammaticale e si suicida :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
eleonora

Waw, 

mi vergogno un pochino, grazie per avermi dato una mano

Share this post


Link to post
Share on other sites
Epsilon
14 minutes ago, eleonora said:

Waw

 

:whistling::innocent::D

Share this post


Link to post
Share on other sites
eleonora

:wub:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×