Jump to content

Recommended Posts

Lonewolf

Esatto

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace

Allora, dato che siamo "vicini" (ma sono sicuro che qualcuno è già partito :rolleyes:) alla partenza delle semine per la nuova stagione (2018) penso sia utile "ringiovanire" questo topic, a cui io faccio sempre riferimento (anche perché mi dimentico sempre i tempi e le proporzioni di candeggina e acqua).

 

Aggiungo anche qualche piccolo dettaglio di come faccio io, e magari qualcuno poi mi "suggerisce" miglioramenti o prende qualche spunto. Tutti gli interventi, anche critici sono sempre benveuti :).

 

Sto parlando della disinfezione dei semi con candeggina e successivo risciacquo immediatamente prima di mettere i semi stessi in germinazione.

 

Fase 1 - Preparazione della soluzione per la disinfezione.

 

Materiale occorrente:

 

- Candeggina (quella commerciale va bene)

- Acqua (del rubinetto)

- 1 Cucchiaio da cucina 

- N bicchierini dello stesso colore (ad esempio bianco), dove N è il numero di varietà diverse di semi che vogliamo trattare.

  (attenzione, se si vogliono risparmiare bicchierini si può pensare di inserire nello stesso bicchiarino semi di piu' varietà, se sono chiaramente distinguibili..... classico esempio, metto nello stesso bicchierino semi di Rocoto e semi di una varietà con semi piccoli di colore paglierino... esempio Tepin)

 

Preparazione:

 

- Versare in ogni bicchiere 1 cucchiao di Candeggina

- Versare in ogni bicchiere 9 cucchiai di Acqua

- Usare il cucchiao per mescolare la soluzione

 

Fase 2 - Immersione dei semi e disinfezione

 

Materiale occorrrente

 

- Pinzetta per prendere i semi

- Qualcosa per "Marcare" i diversi bicchierini (ad esempio penna, carta e scotch) con la varietà dei semi che vi immergo

Attenzione: Per semplificare io preparo una striscia di scottex su cui appoggiare in fila i bicchieri e vi scrivo sopra il nome della varietà, dopo di che vi appoggio vicino il bicchiere con la varietà stessa. In questo modo non devo marcare nuovamente - vedi Fase 3 risciacquo. Inoltre, mettendoli cosi' in fila e dato che fra il primo set di semi che metto in disinfezione e l' ultimo possono passare anche diversi minuti, riesco ad usare lo stesso ordine anche per il risciaquo, tenendo cosi' il tempo di disinfezione nello "standard" previsto.

 

Preparazione:

 

- Marcare il primo bicchierino con il nome della varietà i cui semi vi saranno immersi

- Prendere i semi della varietà con la pinzetta ed inserirli nella soluzione

- Ripetere dal primo punto per le N varietà di semi che voglio trattare

 

5a1aac09a7c94_0001-Disinfezione.jpg.2cd49e57544962b547f4b1def4f35c7b.jpg

 

Qualcuno potrebbe chiedere: Perché procedere cosi' "iterativamente" e non preparare tutto prima e marcare prima tutti i bicchierini ?

Risposta: Perché, a mio parere cosi' si riduce di molto il rischio di "mischiare" semi o fare confusione, questa una delle fasi in cui è piu' rischioso mischiare qualche seme (e poi ovviamente ritrovarsi piante diverse da quelle che pensavo dopo magari qualche mese o quando vedo i frutti).

Comunque se uno si trova meglio in altro modo ovviamente non è che sia un problema.

 

Molto importante: I semi vanno tenuti in immersione per 15-20 minuti

 

Fase 3 - Risciacquo

 

Materiale occorrrente

 

- Pinzetta per prendere i semi

- Colino con maglie fittissime 

- Acqua corrente (del rubinetto)

- N bicchieri di colore diverso da quelli usati per la disinfezione (ad esempio abbiamo detto bianchi per la disinfezione, verdi per il risciacquo).

- Qualcosa per "Marcare" i diversi bicchierini (ad esempio penna, carta e scotch) con la varietà dei semi che vi immergo.

Nota bene: Se si usa il metodo che ho detto descrivendo la fase risciaquo si può utilizzare la stessa striscia di scottex

 

Preparazione:

 

- Marcare il primo bicchierino "verde" con il nome della varietà i cui semi vi saranno immersi

- Riempirlo di acqua (non importa riempirlo fino al bordo, anzi meglio lasciare margine, in modo da ridurre il rischio di movimenti che fanno versare l' acqua)

- In un lavandino, rovesciare il bicchierino "bianco" (quello per la disinfezione) nel colino, in modo che i semi rimangano dentro il colino.

- Tappare il lavandino (onde evitare che i semi possano andare nello scarico)

- Aprire il rubinetto e tenere il colino sotto per qualche minuto risciacquando i semi (dosare la forze dell' acqua corrente in modo che i semi non escano dal colino).

- Prendere i semi dal Colino con la pinzetta e mettere nel bicchierino "verde" (per il risciaquo) pieno di acqua "marcato" per quella varietà

- Ripetere dal primo punto per le N varietà di semi che voglio trattare

Attenzione partire dalla varietà i cui semi sono stati messi in disinfezione per primi, in modo che per tutte le varietà si abbiano piu' o meno gli stessi tempi di disinfezione (come già accennato nella spiegazione della Fase 2)

 

5a1aac0a48961_0002RisciaquoColino.jpg.90391728f9e46b9b5115b0c6bdaa3e0f.jpg

 

Io tengo i semi poi nei bicchieri per il risciaquo qualche ora.... alcuni consigliano 12 o 24 ore...... ma io non credo vi siano grosse differenze.

 

5a1aac0ae3041_0003Risciaquo.jpg.75e18542830287a688cb5896c12d5e64.jpg

 

A questo punto con la pinzetta prendo i semi risciaquati e li metto in Germbox.....

 

Commenti ? Suggerimenti ? Domande ? Idee ?

 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
chocolatorang

Se,se, bella la scusa della spiegazione intanto, scommetto, che hai già iniziato la semina.:blum::lol2:

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf

Argomento di grandissimo interesse, soprattutto dopo la presentazione sulle VIROSI al Congresso! :hyper:

Disinfettare i semi è FONDAMENTALE! :excl:

 

La virologa dott.ssa Laura Tomassoli ci ha suggerito un protocollo di trattamento diverso e più efficace, messo a punto dal CREA.

Il trattamento utilizza fosfato trisodico (o tribasico o sodio ortofosfato trisodico, Na3Po4 insomma :rolleyes:), nel seguito indicato con la sigla TSP.

  • Prima immersione per mezzora in una soluzione al 10% di TSP
  • Lavaggio in acqua (preferibilmente un'immersione lunga, 1 ora)
  • Seconda immersione per due ore in una nuova soluzione al 10% di TSP 
  • Lavaggio in acqua (preferibilmente un'immersione lunga, 1 ora)
  • Essiccazione a 37°C (se non si semina subito)

Il doppio trattamento serve per eliminare prima il grosso dei patogeni, poi per una rifinitura.

Il trattamento e' stato testato per l'eliminazione di virus che possono infettare la superficie del seme; ovviamente non è efficace per virus che infettano l'embrione (trasmissibili via seme).

Il trattamento non influenza la germinabilità del seme.

 

Per completezza di informazione, segnalo anche il trattamente suggerito da Gabor, molto piu' brutale

  • Immersione per 10 minuti in soluzione al 2% di soda caustica (idrossido di sodio, NaOH)
  • Lavaggio in acqua corrente

Questo trattamento può alterare il colore superficiale dei semi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
coccopepp

Carlo, c'e' qualche motivo specifico per preferire acqua e candeggina piuttosto che camomilla, oppure acqua e sale?! immagino che la candeggina abbia piu'' potere disinfettante? Visto che ormai ci siamo... ( solo alla preparazione delle etichette ... :) ), vorrei essere certo di fare la scelta giusta.... !

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf

L'acqua e sale serve per il cosidetto osmopriming, trattamento che puo' indurre uno stato di pregerminazione e quindi uniformare poi i tempi di germinazione.

Benche' sia una pratica molto usata, e' di scarsa utilita' nel nostro caso, principalmente perche' di solito seminiamo molte varieta' diverse (anche wild) e uniformare i tempi di germinazione e' chiaramente ben piu' arduo che su un lotto di migliaia di semi tutti uguali.

 

La camomilla secondo alcuni favorisce la germinazione, ma non e' chiaro in base a quale meccanismo e con quali principi attivi; ritengo che non dia sostanziale differenza rispetto ad immersione in acqua pura per pari tempo.

 

Entrambi i trattamenti (e altri simili per favorire la germinazione, per esempio con acido gibberellico ecc) non hanno alcun potere disinfettante e quindi sono eventualmente da usare DOPO la disinfezione.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
coccopepp
50 minutes ago, Lonewolf said:

L'acqua e sale serve per il cosidetto osmopriming, trattamento che puo' indurre uno stato di pregerminazione e quindi uniformare poi i tempi di germinazione.

Benche' sia una pratica molto usata, e' di scarsa utilita' nel nostro caso, principalmente perche' di solito seminiamo molte varieta' diverse (anche wild) e uniformare i tempi di germinazione e' chiaramente ben piu' arduo che su un lotto di migliaia di semi tutti uguali.

 

La camomilla secondo alcuni favorisce la germinazione, ma non e' chiaro in base a quale meccanismo e con quali principi attivi; ritengo che non dia sostanziale differenza rispetto ad immersione in acqua pura per pari tempo.

 

Entrambi i trattamenti (e altri simili per favorire la germinazione, per esempio con acido gibberellico ecc) non hanno alcun potere disinfettante e quindi sono eventualmente da usare DOPO la disinfezione.

Grazie! Spiegazione esauriente...!! Si va' di candeggina.... :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace

Ho solo un piccolo dubbio sul risciaquo dopo l' immersione in acqua e candeggina (è il modo di disinfettare che mi è piu' congeniale in quanto materiali facilmente reperibili e probabilmente già presenti in casa).

Dopo l' immersione per la disinfezione è sufficiente sciacquare per qualche minuto i semi sotto acqua corrente con un colino e poi tenerli qualche ora a bagno in semplice acqua del rubinetto ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
chocolatorang

Io dopo il risciacquo li tengo 24 ore a bagno, in sola acqua di rubinetto, per la disinfezione faccio uguale a come la descrivi tu più sopra.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf

Per il risciacquo basta tenere i semi sotto acqua corrente per una decina di secondi o poco piu', in un colino.

Io poi li tengo in ammollo per 24 ore circa, non tanto per sciacquarli, ma per velocizzare l'assorbimento d'acqua da parte del seme.

Uso comune acqua di rubinetto.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×