Jump to content

Recommended Posts

folivier

Ciao a tutti, come suggerito da Claudio qui ho aperto questo topic per discutere delle varie tecniche di innesto su piante di peperone/peperoncino e della possibilità di creare piante multi peperoncino.

 

Comincio col riportare la mia esperienza.

Ho iniziato a sperimentare gli innesti quest'anno un po' per curisità un po' per vedere di risolvere i problemi di spazio, cercado di avere piante più piccole e resistenti.

 

La tecnica di innesto che utilizzo è molto semplice e pensata per utilizzare strumenti presenti in ogni casa, gli unici strumenti che utilizzo sono un taglierino ed una molletta per i panni.

Per prima cosa eseguo un intaglio a V sulla pianta che deve ospitare l'innesto (il taglio può essere effettuato in qualsiasi punto della pianta, anche alla base della pianta stessa basta lasciare un paio un paio di foglie per consentire alla pianta di fotosintetizzare) l'unica, poi taglio un rametto dalla pianta che voglio innestare (possiamo prendere il rametto da qualsiasi punto della pianta, la cosa importante è che il diametro sia più o meno della stessa grandezza di quello dove è stato eseguito il taglio a V) e col taglierino faccio un cuneo, nel punto in cui ho tagliato il rametto, che possa combaciare con l'intaglio a V, successivamente infilo il rametto nell'intaglio a V in modo da farlo combaciare bene, infine mantengo saldato il tutto con la molletta per i panni. Ovviamente assicurateni che il diametro del buco sia uguale al diametro della piantina (anche se il buco della molletta è un po' più piccolo non fa niente, va bene lo stesso).

I primi giorni le foglie si ammosciano tutte e qualcuna secca e cade, poi quando attecchisce la pianta si riprende.

Ai primi innesti ho provato a mettere la pianta appena innesta in una busta di plastica in modo da creare un ambiente molto umido e favorire l'innesto, da quello che ho potuto constatare le foglie del ramo innestato si ammosciano molto meno, però ho avuto l'impressione che non favorisce l'attecchimento e ho lasciato perdere.

L'innesto per attecchire ci mette dai dieci ai quindici giorni, non l'ho calcolato con precisione, ma ci si accorge facilmente dell'attecchimento, infatti quando attecchisce le foglie da moscie si ravvivano e nascono nuovi germogli.

Nel frattempo la pianta porta innesto continua ad emettere nuovi getti laterali, se non li tagli si hanno due varietà su una stessa.

queste sono le foto dell'ultimo innesto fatto

post-2461-0-66358300-1400582914.jpg

post-2461-0-41545500-1400582916.jpg

  • Like 7

Share this post


Link to post
Share on other sites
Umberm

Bello e interessante! Attendo con ansia i risultati.

La prima domanda che mi viene è: si possono innestare anche specie diverse o funziona solo tra diverse varietà della stessa specie?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Oban

Molto interessante, aggiungo ai preferiti, quanto devono essere grandi le due piante per tentare tale operazione?

Share this post


Link to post
Share on other sites
folivier

Bello e interessante! Attendo con ansia i risultati.

La prima domanda che mi viene è: si possono innestare anche specie diverse o funziona solo tra diverse varietà della stessa specie?

 

Funziona anche tra specie diverse, al momento ho TSBT (chinense) su peperone (annuum), TSBT su un annuum di piccola taglia che coltivo da trenta anni (sarebbe l'innesto della foto), poi ho provato pubescens (rocoto di padre onore) su annuum (un ibrido di black pearl) e peperone su TSBT.

Ho provato anche peperone su pomodoro e pomodoro su peperone, nel primo caso non sono riuscito a farlo attecchire, nel secondo l'innesto ha attecchito però poi il pomodoro è seccato e non so se è colpa degli acari che mi hanno appestato la light room o perchè non è andato avanti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
folivier

Molto interessante, aggiungo ai preferiti, quanto devono essere grandi le due piante per tentare tale operazione?

 

io ho provato con diametri di 3-5 mm più o meno la dimensione del foro della molletta, ma se hai mollette con fori più grandi puoi fare innesti con piante/rami più grossi.

Andare sotto i 3mm è scomodo, non è facile fare un intaglio, e rischi che il buco della molletta sia troppo grande

 

PS.: non è necessario innestare l'intera pianta, basta anche solo un rametto, così come il porta innesto può anche essere un ramo qualsiasi della pianta dopo la biforcazione

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mitrandin

ciao,

ma i frutti che vengono dal ramo innestato mantengono integralmente le loro caratteristiche? non c'è un'influenza dal resto della pianta (soppr. radici)

Share this post


Link to post
Share on other sites
folivier

non lo so... per ora, lo scoprirò appena cominceranno a fruttificare

Share this post


Link to post
Share on other sites
bilos2511

molto interessante il topic! lo tengo d'occhio!

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vincer

Interessante....

 

Ciao

Vincenzo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Oban

Bene quindi non serve del nastro isolante sotto la molletta?

Possono essere necessari dei tutori se è esposta al vento, considerando anche il peso della molletta? Oppure aspettiamo che attecchisca per metterle fuori.

L'anno scorso avevo una pianta di Annum, molto bella ma con frutti non piccanti...avrei certamente tentato un innesto!

Share this post


Link to post
Share on other sites
folivier

non ho usato nastro isolante e non ho usato tutori, le mollette non sono pesanti e la piante tiene. Gli innesti li ho fatti tutti indoor, credo sia meglio tenere la pianta riparata, il vento potrebbe fare danni

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mak

Topic molto interessante!

L'unica pianta che mi so o tenuto in vaso è un red savina...magari aspetto che cresca, moltiplicando i rami, e poi provo a fare innesti multipli, con più varietà! Sarebbe proprio bello avere frutti differenti da una sola pianta!

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Laelia

ciao,

ma i frutti che vengono dal ramo innestato mantengono integralmente le loro caratteristiche? non c'è un'influenza dal resto della pianta (soppr. radici)

Dubito fortemente (ovvero sarebbe l'unico caso in cui questo accade!): pensa ai peperoni innestati che si trovano comunemente nei vivai.. anzi, molti innesti per solanacee sono addirittura tossici, eppure i frutti della pianta innestata sono sicuri ;)

  • Like 6

Share this post


Link to post
Share on other sites
abbollore

bene bene, mi aggiungo pure io con un esperimento a scopo didattico!...

Non e' propriamente un'innesto,ma un "approssimazione"...cioe' proviene dall'innesto per approssimazione su erbacee,ma non si taglia nulla.

le piante che ho usato son tutte della stessa varieta' in modo da avere un cespuglio,ma credo non ci siano problemi con varieta' diverse!

in pratica si tratta di unire piu' piante assieme tramite un taglio parallelo al fusto

post-3482-0-91536200-1400654495.jpg

post-3482-0-21725000-1400654527.jpg

ecco come si presenta adesso

post-3482-0-89991400-1400654629.jpg

post-3482-0-21957700-1400654660.jpg

e questa e' una foto di meta' procedimento per unire 4 piante..purtoppo ho solo questa,e non e' neanche quella giusta,perche' il taglio e la legatura sono sbagliati...ma spero sia utile per capire

post-3482-0-16175000-1400654923.jpg

 

 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
folivier

Ciao Daniele,

la tecnica che utilizzi è molto interessante, vorrei farti delle domande a riguardo.

quanto sono grandi le piantine al momento dell'innesto? che diametro ha il fusto? come esegui l'intaglio? dopo quanto tempo attecchisce? lasci le radici di tutte le piante innestate?

Grazie :)

Francesco

Share this post


Link to post
Share on other sites
abbollore

provo a risponderti..

le piante quando hanno 4-5 coppie di foglie va gia' bene,il diametro dai 3mm in su.. il taglio si fa con una lametta,o un bisturi,insomma,qualcosa di fine e come dicevo parallelo ai fusti,in quanto su 3mm fare un taglio diagonale non c'e' "ciccia" ed e' piu' sicuro(secondo me)..io l'ho fatto sotto i cotiledoni e poi una volta cicatrizzato ho interrato tutto(che escono nuove radici)...per quanto riguarda le radici io le ho lasciate,ma nessuno vieta di lasciarne solo una..ma per me avere piu' radici male non fa'...l'attecchimento 7-10 giorni

 

questo video trovato su you tube spiega molto bene il sistema solo che qua' fa i tagli in diagonale

 

comunque ho provato a farne un'altro ieri, sopra i cotiledoni,e tra un annuum(gia a dimora) e un chinense :crazy: ...ho fatto qualche foto veloce..quando attecchisce posto tutto(le posto pure se non va a buon fine)...

  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites
xtend

Giusto qualche risorsa

Wikipedia

qui ci sono anche i video, premete sul menu a la to "how to graft" e poi selezionate tra le tre verdure "grafting method"

pdf regione campania

Kentucky university

 

Anche sul tubo si trova molto, ricordate che per l'inglese dovete cercare "Graft" oppure "Grafting", attenzione perché vale anche per la chirurgia umana e per "fare" la maglia (metlio dire unire due o più tessuti)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Borto76

l'innesto per approssimazione è semplice da effettuare e assolutamente da provare per piante lente a crescere , magari innestandole con un'annuum vigoroso e tenendo tutti e due gli apparati radicali ed eliminando la chioma dell'annuum

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
abbollore

ho trovato un disegno

1 taglio

2 approssimazione(dove mi son fermato io)

3 completamento dell'innesto (tagliando una marza e un portamarza)

post-3482-0-32643800-1400821818.jpg

 

e come a detto Borto76 si puo' anche lasciare le radici e tagliare una chioma..

 

 

  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites
Thorpe

così una stessa pianta avrà 2 apparati radicali... o.O mi sa tanto di frankestein... ahahahaa

 

però dai è caruccio da fare.... però sinceramente almeno personalmente ho timore a tagliare le mie amate o.O

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mak

Scusate la mia ignoranza, ma a cosa serve innestare per approssimazione, lasciando entrambi gli apparati radicali ed entrambe le chiome?

Share this post


Link to post
Share on other sites
chiliriot

così una stessa pianta avrà 2 apparati radicali... o.O mi sa tanto di frankestein... ahahahaa

 

però dai è caruccio da fare.... però sinceramente almeno personalmente ho timore a tagliare le mie amate o.O

un'altranno ne semini in piú e puoi sperimentare!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Thorpe

si lo so in realtà qualche pianta in più già la tengo... ma sai com'è... se nn mi sto attendo ho dei parentic he vengono e se le fregano... orhami il verbo capsico di è sparso.. vanno già a caccia di polvere ahahahh

Share this post


Link to post
Share on other sites
abbollore

così una stessa pianta avrà 2 apparati radicali... o.O mi sa tanto di frankestein... ahahahaa

 

però dai è caruccio da fare.... però sinceramente almeno personalmente ho timore a tagliare le mie amate o.O

no,avra' un solo apparato radicale piu' grande

Share this post


Link to post
Share on other sites
abbollore

Scusate la mia ignoranza, ma a cosa serve innestare per approssimazione, lasciando entrambi gli apparati radicali ed entrambe le chiome?

ad avere una unica pianta piu' grande(se si utilizzano stesse piante),o una pianta sola che produce frutti diversi(si spera :crazy: )..in questo caso e' come l'innesto di Folivier, (molto piu' pratico il suo :good: )...ma invece che un ramo si usa tutta la pianta..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×