Jump to content
TheApneist

Il terriccio perfetto

Recommended Posts

TheApneist

Ciao a tutti, come sapete su youtube ho un canale dove da neofita faccio dei tutorials sulle mie coltivazioni dei peperoncini. (per chi non lo conoscesse https://www.youtube.com/user/Lucamanto )

Nel prossimo vorrei parlare di terricci, ho alcune idee e vorrei confrontare le mie idee con voi

Apro questo post per sapere secondo voi parlando in termini puramente generici (non voglio marche ma caratteristiche) quali caratteristiche debba avere il terriccio perfetto in fase vegetativa e di produzione..

grazie a tutti!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf

PH subacido, EC in funzione di come quanto vuoi concimare.

C'e' poco da dire sui terricci, a leggere le informazioni sui sacchi sono praticamente tutti uguali.

Eppure la sostanza cambia, e molto!

 

Qui bisogna affidarsi a marche e tipologie note e testate da altri.

Parlare in generale, senza "nomi e cognomi" serve proprio a poco.

Share this post


Link to post
Share on other sites
rasengan

PH subacido, EC in funzione di come quanto vuoi concimare.

C'e' poco da dire sui terricci, a leggere le informazioni sui sacchi sono praticamente tutti uguali.

Eppure la sostanza cambia, e molto!

 

Qui bisogna affidarsi a marche e tipologie note e testate da altri.

Parlare in generale, senza "nomi e cognomi" serve proprio a poco.

Te per il rinvaso intermedio e quello finale cosa usi ? ci puoi dire il nome delle marche e tipo ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf

Terflor Mixed.

 

Il terriccio e' materiale poco costoso e molto voluminoso, il trasporto incide molto.

Per questo motivo in generale la distribuzione sul territorio e' via via ridotta man mano che ci si allontana dalla sede del produttore (con qualche eccezione)

Non e' detto che i terricci Terflor (sede a Brescia) siano venduti al centro-sud.

 

Comunque a Pistoia ci sono moltissimi vivai e rivenditori di materiale per la coltivazione. Ti conviene trovare qualcuno che se ne intenda davvero e farti consigliare o (se e' un vivaio) vedere cosa usano loro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
folivier

Ti conviene trovare qualcuno che se ne intenda davvero e farti consigliare o (se e' un vivaio) vedere cosa usano loro.

 

Ti racconto la mia esperienza personale a riguardo.

 

Ho girato tutti i vivai della mia zona (una decina), a tutti ho fatto la stessa domanda: "Avete un terriccio lievente acido con PH tra 6 e 7?"

 

nella maggior parte dei casi mi hanno risposto: sì, ho quello per acidofile...

 

un caso:

vivaista: terriccio con PH?!?! .... (questo sconosciuto)

io: sì, un terriccio lievemente acido

vivaista: ah! per acidofile?

 

il mio preferito, invece:

vivaista: puoi prendere questo, è per acidofile

Io: non mi serve per acidofile, ma con un PH lievemente acido tra 6 e 7.

Vivaista: ma sui sacchi non c'è scritto il PH!

Io: (dopo aver girato il sacco indicato) è quelto scritto qui...

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
TheApneist

ma a parte l'ambiente leggermente acido, e con presenza di inerti per alleggerire, cè qualcos'altro? voglio dire alla fine cambiano i nutrienti che ci sono già dentro, giusto?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf

ma a parte l'ambiente leggermente acido, e con presenza di inerti per alleggerire, cè qualcos'altro? voglio dire alla fine cambiano i nutrienti che ci sono già dentro, giusto?

 

L'EC e' determinante per sapere se e' necessario concimarlo e dopo quanto tempo.

 

C'e' differenza (di qualita') tra substrati e ammendanti.

C'e' differenza nella composizione; solo mix di torbe o anche compostato; nel secondo caso, rimane sempre un dubbio su "cosa" e' stato davvero compostato.

Cambia anche il tipo di concimazione, minerale, letame o altro ...

 

L'aspetto piu' importante comunque e' la qualita' complessiva che si riflette anche nell'aspetto fisico.

Ci sono terricci con cui e' piacevole lavorare, altri che fanno ribrezzo (non esagero) solo a guardarli ...

 

Per questo conta molto "metterci dentro le mani".

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf

In fondo, una delle motivazioni per "coltivare" e' poter finalmente fare in pace quel che da piccoli spesso le nostre mamme non ci lasciavano fare ... giocare con la terra :lol:

Se la terra non da buone sensazioni, dov'e' il divertimento? :lol:

Finora ho sempre trovato una corrispondenza tra le sensazioni che un terriccio mi dava e i risultati; terricci che mi trasmettevano sensazioni negative (per loro natura o per cattiva conservazione) mi hanno sempre dato pessimi risultati

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites
Trinidad_Dog

Concordo ,

anche io sono un po' empatico, se nn mi piace a pelle raramente qualcosa viene a casa con me.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Habapizz

Salve ragazzi.

A proposito di terriccio perfetto, girovagando per il web, ho trovato un interessante pdf intitolato "substrato mix ideale per la coltivazione del peperoncino piccante".

Presupponendo che devo riempire 20 vasi dal diametro di 25 cm, credo 5,6lt cada uno, bene o male 120lt di terriccio totale, vi elenco le percentuali di inerti, ammendanti e concimi consigliati dal pdf, considerando che con tale mix, bisognerebbe solo innaffiare senza concimare:

 

14 % pomice 3/7 mm

10% lapillo 3/5 mm

11% zeolite 2/5 mm

14% humus di lombrico

20,7% fibra di cocco media

11% perlite 3/5mm

10% vermiculite 2/5 mm

3% leonardite

3% guano

3% cornunghia

0,3% basacote 6M

 

Credo che sia davvero un mix perfetto, a mio modestissimo parere,

ma vorrei esporre i miei quesiti in merito al "perfetto mix" in questione, essendo in piena confusione:

 

1) Si può eliminare qualche elemento?

2) Ho solo le percentuali, ma i dosaggi consigliati in gr/lt quali sono?

3) Presupponendo che gli elementi sopra citati, li ho trovati tutti sullo stesso sito che ha scritto il pdf, ci vorrebbero quasi 80 euro per avere tale quantità di terriccio completo (compresa spedizione 25 euro) , il prezzo totale è esagerato o contenuto nella media?

4) Help me please...... :80: :80:, ci sto impazzendo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Hellas

 

Credo che sia davvero un mix perfetto, a mio modestissimo parere,

 

 

Quel pdf era già stato pubblicato sul forum, non trovando affatto riscontri come "mix perfetto".

Secondo il mio modestissimo parere il mix perfetto, anzi la ricetta completa è quella ufficiale Pepperfriends ;)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Habapizz

Grazie per la semplificazione Hellas

Share this post


Link to post
Share on other sites
Buffus

Terflor Mixed.

 

 

ciao, dove lo acquisti?

Dal vivaio qui a Colognola si trova roba buona o solo terricci generici?

Lo scorso anno avevo preso una mezza cantonata...

 

grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites
tattico

Che differenze ci sono tra il Terflor e il Klasmann?

Qualcuno le conosce?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Hellas

Fatto arrivare un bancale apposta da Massa (Soave)

Sembra pero' lo vendano in un paio di altre rivendite in zona:

Qui

e forse anche qui (vicinissimo!)

https://plus.google.com/102806996393623209589/about?gl=it&hl=it

 

Confermo, acquistati tre sacchi di Mixed un paio di settimane fa presso il vivaio a Lavagno.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf

Che differenze ci sono tra il Terflor e il Klasmann?

Qualcuno le conosce?

 

Ho usato il Klasmann Potgrond H un po' di anni fa.

Buon terriccio (forse un po' troppo fine), ma il venditore lo teneva sotto la pioggia ed era tutto inzuppato.

 

Con il Terflor Mixed mi trovo bene e l'ordine di un bancale mi assicura che sia conservato correttamente (arriva dritto dall'azienda produttrice); cavallo vincente non si cambia ;)

 

Ovviamente ci sono molti altri ottimi terricci ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
tattico

Ovviamente ci sono molti altri ottimi terricci ...

Grazie Claudio.

Si, sono sicuramente molti i terricci in circolazione in grado di soddisfare le nostre esigenze.

Io uso il Klasmann da anni, lo pago ancora 7,5€ a sacco da 70 l e mi trovo bene.

Solo che devo fare 25 km per andarlo a prendere tutte le volte.

Se trovassi il Terflor più vicino...

Insomma solo curiosità e un pò di voglia di cambiare

Share this post


Link to post
Share on other sites
maxi

beati voi che potete scegliere,da me ogni anno è un calvario col terriccio :crazy:

Share this post


Link to post
Share on other sites
HellcatOne

interessante questa discussione....

 

Stavo giusto valutando di acquistare un terriccio da semina per quest'anno ( non l'ho mai utilizzato, usando praticamente solo quello definitivo) purtroppo quello che segnalate, qui non lo trovo.

In compenso trovo questi: http://www.bioflor.it

Di solito uso il BioTorf bianco ( li dice ph neutro, ma in realtà è 5.3 e se non ricordo male neutro è 7). non ho mai avuto problemi di sorta.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Buffus

Fatto arrivare un bancale apposta da Massa (Soave)

Sembra pero' lo vendano in un paio di altre rivendite in zona:

Qui

https://plus.google.com/115775323061678977928/about?hl=it

e forse anche qui (vicinissimo!)

https://plus.google.com/102806996393623209589/about?gl=it&hl=it

Riesumo il post...da Massa il Terflor normalmente non si trova, per questo l'avevi ordinato? Hanno altri buoni terricci che tu sappia?

 

.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mory90

Buongiorno ragazzi una domanda quale è il miglior terriccio per i peppers?

Share this post


Link to post
Share on other sites
ardilla

Buongiorno ragazzi una domanda quale è il miglior terriccio per i peppers?

Ciao, io sono al secondo anno di coltivazione, l'anno scorso mi sono cimentato con varie prove ed esperimenti dai terricci ai vari fertilizzanti, da quest'anno iscritto al forum ho voluto seguire alla lettera la ricetta pepperfriends, per intenderci questa :

 

http://www.pepperfriends.com/forum/topic/9620-varie-fasi-delle-operazioni-di-rinvaso/

 

Ho notato da subito differenze notevoli, ho la fortuna di avere vicino una serra che vende quel terriccio specifico ma credo che tu possa benissimo sostituirlo con uno dalle stesse caratteristiche!!!

L'esperienza e i consigli di chi coltiva da anni mi ha dato una grossa mano.

Ti consiglio vivamente di seguire alla lettera la "ricetta" e vedrai che avrai una marcia in più :good:

Ciao Paolo........

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf

Il terriccio disponibile varia da zona a zona, a causa degli alti costi di trasporto.

Difficilmente in Sardegna si trovano gli stessi terricci disponibili in Veneto o Lombardia.

Gli unici terricci diffusi un po' ovunque sono solo quelli di grandi marche, soprattutto tedesche.

 

Difficile quindi dare una indicazione valida per tutti, la cosa migliore e' chiedere a chi abita nella propria zona e ha gia' sperimentato.

 

Continuo a sostenere che, aldila' delle etichette (quasi tutte uguali), contano molto le "sensazioni"; certi terricci sono visivamente e al tatto "piacevoli", altri sembrano vere schifezze ... e probabilmente lo sono!

 

In generale, scegliere "substrati di coltivazione" e non "ammendanti"

Anche la conservazione e' molto importante; diffidare di venditori con scarso giro di merce e bancali esposti alle intemperie; molto probabilmente il terriccio e' rovinato dalla pioggia e dal sole ancora prima di usarlo.

Scegliere venditori che conservano i terricci indoor e/o hanno una grande rotazione; basta visitarli due volte a distanza di una settimana per vedere come "cala il mucchio"

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×