Jump to content
Lonewolf

C.Cardenasii, C.eximium, Rocopica

Recommended Posts

Pr0digal_son

I don't know, unfortunately.

I don't know, unfortunately.

The fruit from my plants seem much smaller than what is in the database. I am curious to see the results of other members.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace

My berries on Rocopica 1 are smaller as well..... first one just ripen..... size of a small pea.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace

 

 

I'm also trying to obtain fruits on true C.cardenasii (original plant) by self-pollination, to verify if it's possibile to produce pure seeds of this species (which is considered self-incompatible in literature).

 

Did you succeed in self-pollination on C.Cardenasii ?

According to literature - well... let's say what i read - self-pollination is not possible (it seems possible to obtain pure C.Cardenasii using pollen from a different plant).

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf

No, every attempt failed :(

Also, it was not possible to obtain cuttings from my plant; C.cardenasii is the only species which I was not able to replicate by cuttings.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pr0digal_son

If there is a better section for this post,I encourage admins to do so. Point of interest is 1:10 -2:00.

 

  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pr0digal_son

I was unable to modify my original post. :no:

 

 

It's interesting to see the variation in C.cardenasii in the video. I notice two specific C.eximium that have different morphological features,and atleast as many with C.cardenasii. There are many interspecific hybrids,but I see no intermediate traits in the cardenasii that are being posted now. Seeing a darker corolla shouldn't give a knee jerk reaction. We see corolla color being affected by climate and mineral parameters. I have been trying to do my part contacting botanists with photos and questions,but with not much success. I still think we need Lonewolf in La PAz with his Nikon. :twitch:

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf

If there is a better section for this post,I encourage admins to do so. Point of interest is 1:10 -2:00.

 

 

Great!

I'll try to understand all the text (not easy)

 

Thanks for sharing!

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pr0digal_son

 

Great!

I'll try to understand all the text (not easy)

 

Thanks for sharing!

 

 

If you have questions ask me. I will try to make it easier to undestand.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace

Let's come back to "Rocopica" topic.

 

First of all let's note that during the years we can find "around" more and more "Rocopicas" and situation is coming more and more confusing.

 

Let's try to clarify something.

 

A - What is "Rocopica" ?

 

For me... (please someone will correct me if I'm wrong) it's the result of one of this cross:

 

C.cardenasii x C.pubescens

- C.eximium x C.pubescens

- C.pubescens x C.cardenasii

- C.pubescens x C.eximium

 

Or any combination of multiple cross including C.pubescens and 1 or more Purple-Clad wild peppers.

examples:

C.pubescens x C.eximium x C.cardenasii 

C.eximium x C.cardenasii x C.pubescens

etc.etc

 

Being C.eximium and C.cardenasii locally referred as "Ulupica", often Rocopica is synthetized as Ulupica x C.pubescens (or viceversa).

 

B - "Rocopica" is easily said

 

Usually, for many Rocopica cultivar we have few or no information about the "parents".

It's also difficult to know which is the original wild part of the cross (C.eximium ? C.cardenasii ? or what ?).

 

The result is that there are many different types of "Rocopica"and we are often referring with the same name to plants which has a wide range of differences.

 

Moreover.... is Rocopica "Stable" ?

Probably the answer is "it depends"..... but (being an hybrid) probably most of the cultivars are NOT stable.

Consequence is ..... more different features among Rocopica plants

 

We should indicate not only the specie, but also the varieties used in the cross and the F-generation of the cross too. Or ... to make an effort to track them for the future (I guess more crosses will jump out in next times :) ).

 

C - Types of Rocopicas we can find "around"

 

- Rocopica "original" PF (Pepperfriends, cultivated by Lonewolf originally, if I understood correctly selected by Mario Dadomo).

  Cross between Ulupica and C.pubescens - but we don't know which specie of Ulupica, nor the varieties of both mother and father 

  Please Claudio correct this if I wrote something not correct

 

- Ulupica Large 

 

- Rocopica Huge (synonimous of Ulupica Large ?)

 

- Son's of the Rocopica "original" (i.e. Rocopica Dark Striped). "Random" next generation of Rocopica "original" PF ... open pollinated, with different features (unstable usually).

 

....... Chaos is increasing :)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf
2 hours ago, Rapace said:

- Rocopica "original" PF (Pepperfriends, cultivated by Lonewolf originally, if I understood correctly selected by Mario Dadomo).

  Cross between Ulupica and C.pubescens - but we don't know which specie of Ulupica, nor the varieties of both mother and father 

  Please Claudio correct this if I wrote something not correct

 

My original Rocopica was a plant gifted me by Mario Dadomo in 2006.

He got that plant by cuttings.

I don't know where he took the original plant or seeds, perhaps from some keen on Capsicum in North Europe (Matts Petersson?); however, he thought that plant was C.cardenasii.

 

During many years I produced many seeds by open pollination (with various C.eximium and/or C.pubescens and perhaps CGN C.cardenasii.

I produced also seeds by self pollination (many seeds in 2017, just before to cut the original plant).

 

Probably more answer on this topic could be found if and when we'll be able to find some Rocopica in the wild.

I knew of "small wild rocotos", probably Rocopica, in the Apa Apa Reserve (Bolivia) and about the presence of the enigmatic C.pubescens ssp. arachnoideum in the Mataral and Vallegrande area (Bolivia), perhaps a kind of Rocopica.

 

Another way to know more is to cross known varieties of C.pubescens/C.eximium/C.cardenasii and see what will happen ...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace

I add here this "quote" of an Oban's post in another topic because I think this is contributing to this topic

 

  On 6/5/2018 at 11:14 AM, Rapace said:

Vorrei capire meglio cosa sono l' Ulupica XL F3  e l' Ulupica XL Not...... (non hanno a che fare con l' Ulupica Large / Rocopica Huge ? o con gli incroci con il cardenasii USDA che coltiva Ninuzz69 ?). 

Certo che ha a che fare con l'Ulupica Large, che anche se ha caratteristiche del tutto simili al Rocopica Huge coltivato da ProdJohn, non lo definirei un sinonimo ma semplicemente uno dei tanti incroci interspecifici che possono generare le tre specie compatibili: C.cardenasii, C.eximium e C.pubescens (senza dimenticare il Rocopica stesso e gli altri ibridi interspecifici, a tutti gli effetti compatibili con queste 3 specie).

 

Per fare chiarezza sull'Ulupica Large c'è da rimettere mano al traduttore Finlandese-Italiano, ma è un' opera ardua perchè funziona davvero male e sopratutto al tempo, almeno 10 anni fa, c'era ancora parecchia confusione sulla Purple Corolla Clade, mi ero promesso di risponderti con calma in C.Cardenasii, C.eximium, Rocopica, ma tu incalzi (per fortuna!).

Ad ogni modo su questo forum russo ci sono 2 vecchie immagini di semillas, quando lo aveva in listino, come puoi vedere non ha nulla a che fare con il fiore campanulato viola boliviano (il C.cardenasii, comunemente chiamato Ulupica in Bolivia)

 

L'Ulupica XL è un cross tra Orange Rocoto e Ulupica Large, i pochi semi che avevo a disposizione vengono proprio da un mostro sacro della coltivazione, IL finlandese, tramite un altro appassionato che non frequenta più il forum. 

Ad ogni modo non era nemmeno un suo cross, ma era etichettato come F3 e per ora la mia pianta è simile alle immagini che ho visto pubblicate in rete, anche il fiore. I frutti dovrebbero essere intorno a 2 o 3 cm di diametro (1 inch).

 

L'Ulupica XL (PI 573336) invece sono semi acquistati da me e Toolshed in Settembre, da un sito inglese, l'ultima bustina di semi disponibile tra l'altro, Dario i suoi non li ha ancora seminati ma sono grandi, poco irregolari e neri, del tutto simili a quelli di Rocoto.

Nella descrizione c'è scritto solamente Ulupica XL ma nell'url viene riportata la sigla PI 573336, erroneamente a mio avviso visto che il numero di accessione PI 573336  corrisponde al C.cardenasii, che non ha nulla a che fare con la pianta che sto coltivando, a partire dalla dimensione e dal colore dei semi (altro argomento da approfondire meglio, se vuoi ci torniamo nel thread sopracitato perchè a mio avviso ci dà alcuni elementi utili per capire questi incroci interspecifici).

 

Ah, la scorsa settimana sono arrivati anche i semi miei, tuoi e di Dario di Ulupica Giant, come puoi vedere anche questi semi sono grandi, neri e abbastanza regolari, insomma, non hanno nulla a che fare con gli Ulupicas, ovvero le due specie wild boliviane, C.Cardenasii e C.eximium, che invece hanno semi piccoli e di color giallo paglierino.

Se vuoi ti spedisco i tuoi, io li semino direttamente l'anno prossimo.

Peperoncini 2018 - 0487.jpg

 

 

Che poi in Bolivia c'è chi indica questi ibridi interspecifici con Ulupica Grande

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace

Ritorno ancora sul (sui) Rocopicas.

 

Oramai stiamo coltivando alcuni incroci reperiti "in giro" oppure anche "autorprodotti" per incrocio o per generazioni successive dai semi ricevuti dall' Associazione.

A me rimane pero' un "mistero" da svelare.... ovvero da dove arriva il "Rocopica Classico" il primo Rocopica coltivato da Lonewolf e poi replicato anche in purezza.

 

Quello che ho capito che sappiamo è:

 

- Quei semi arrivano da Mario Dadomo

- Erano classificati erroneamente come C.cardenasii

 

Faccio qualche "speculazione" .

 

Vista la forma del fiore è plausibile siano incroci di C.cardenasii x C.pubescens (o viceversa)

 

- Se non erro si pensava fino a pochi anni fa (o forse si pensa ancora ?) che il C.cardenasii fosse autosterile (andrebbe poi chiarito se si intende con autosterile che non puo' impollinarsi con il polline dello stesso fiore, o con il polline della stessa pianta.... oppure addirittura che non si possa impollinare con polline della stessa specie, il che mi pare vorrebbe dire che quella specie è per definizione un ibrido - lascio pero' perdere per il momento questa discussione che semmai riprenderemo altrove ed assumo che quella specie non sia autosterile ma che si credesse lo fosse).

Se si credeva che fosse autosterile..... e se si credeva fosse un C.cardenasii...... presumo che si abbiano fatti allegare i semi in Open Pollination su una pianta di C.cardenasii......che mi sembra sia probabile sia - per questi motivi - la pianta madre.

Questo porterebbe a considerare probabile il Rocopica Originario come un C.cardenasii x C.pubescens (e non viceversa).

 

- Dato che non mi risulta si siano mai ottenuti nelle varie generazioni successive mai frutti di Rocopica che non fossero rossi....... direi che il padre è un C.pubescens con frutti di colori rossi

 

- I frutti hanno sempre (per lo meno in tutte le varianti che ho coltivato o visto io) frutti tondi o comunque tondeggianti.... quindi assumerei che il padre sia un Rocoto (rosso) di forma rotonda.

 

Credo che fino a qui si possano accettare "plausibilmente" queste speculazioni...... siete d' accordo o c'è qualcosa che mi sfugge ? (sto escludendo che il Rocopica classico derivi da incroci con C.eximium e dicendo che la madre è un C.cardenasii ed il padre un Rocoto rosso tondo o tondeggiante).

 

Detto quanto sopra..... passiamo ad alcune domande:

 

- Si sa se la pianta coltivata da Dadomo in origine è nata da seme o è stata "regalata" già grande o germinata ?

- Si da se i semi che hanno poi generato il Rocopica "Classico" di Lonewolf sono stati generati in purezza ?

 

Se non fossero stati generati in purezza e se Dadomo considerava la pianta originaria o i semi come C.cardenasii......i semi che hanno generato il Rocopica potrebbero derivare da ibrido fra quella pianta originaria impollinata da un Rocoto che era coltivato all' epoca a Parma.........

 

- Coltivavano Rocoto all' epoca a Parma ?

- Si sa quali Rocoto venivano coltivati ?

 

 E poi.... la domanda delle domande.....

 

- Si sa dove ha reperito i semi Dadomo all' epoca ? Arrivano da una Banca Semi ? o sono arrivati da qualcuno ?

 

Magari mi sono perso qualcosa io, ma credo che se si ha risposta a queste domande si potrebbe dare un nome e cognome alle origini di quella splendida varietà.

 

Per adesso per me è un incrocio C.cardenasii x Rocoto Rosso :)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Oban

Con più calma torno sulle "speculazioni".

 

2 hours ago, Rapace said:

- Quei semi arrivano da Mario Dadomo

Credo che gli regalò direttamente una pianta ad un incontro allo Stuard di Parma.

Questa pianta fu replicata da Lonewolf per talea e proprio quella pianta ma è del tutto identica anche nel DNA (la replicazione via seme invece, non crea mai esemplari del tutto identici al genitore, anche in caso di autoimpollinazione, a causa del rimescolamento genetico del crossing-over...) al primo esemplare.

Il Rocopica che ha tenuto in vita per oltre un decennio (fino al Tabula Rasa del 2017!) è l'esemplare nato da talea.

 

Questa talea è stata replicata in purezza da Lonewolf prima del 2013 e quei semi puri sono stati replicati in ESASEM nel 2013, li ho ricoltivati io nel 2017 ed ho ottenuto 4 piante simili ed abbastanza stabili nei caratteri del fenotipo, i miei semi puri li ha seminati Joefish nel 2018 ed ha ottenuto una pianta in linea con le attese ma non credo sia riuscito a replicarlo.

 

Quote

- Erano classificati erroneamente come C.cardenasii

Non mi sorprende, fino a qualche anno fa non era nemmeno acclarato che il C.eximium ed il C.cardenasii fossero due specie selvatiche distinte, è normale ci fosse parecchia confusione in merito.

Oggi diamo per scontato alcuni concetti ed osservazioni, anche recenti, basti pensare alle numerosi immagini di Wild Capsicum osservati e documentati in natura, ora li possiamo osservare con una semplice ricerca, fino a qualche anno fa non generavano alcun risultato.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf

Nell'autunno 2006 Mario Dadomo mi ha regalato una pianta di presunto C.cardenasii.

La pianta era una talea, una delle poche riuscite da una pianta madre coltivata da Mario quell'anno.

Non so che fine avessero fatto la pianta madre e le altre talee.

 

Nella primavera seguente Mario mi ha segnalato che probabilmente non era un C.cardenasii, ma un Rocopica.

In quell'anno ho anche coltivato il C.cardenasii "vero" e la differenza era evidente ...

 

Non so da dove provenissero i semi utilizzati da Dadomo.

Le fonti possibili sono poche: John Fiedler (eventualmente tramite Marco B.) oppure Mats Petersson; non mi viene in mente nessun altro che all'epoca avesse semi di wild "rari" a disposizione.

Eventualmente possiamo chiedere a John, che e' ancora attivo da qualche parte; Mats invece non si sente in giro da almeno un decennio.

 

La pianta che ho coltivato fino a fine 2017 era la stessa talea che mi aveva regalato Dadomo.

 

Nei primi anni non sono riuscito a produrre semi puri; i risultati nei sacchetti sono sempre stati scarsi, come pure quelli in serra a prova di insetto.

Solo nel 2017 ho prodotto una grande quantità di semi puri, grazie alla coltivazione "all'aperto" (con possibilità di impollinazione libera), ma senza alcuna pianta compatibile intorno (nessun C.pubescens, C.eximium o C.cardenasii).

 

In vari anni tra il 2008 e il 2012 avevo coltivato vari Rocopica da semi non puri, ottenendo una grande variabilità nei risultati, pur con frutti sempre piccoli, tondeggianti, rossi e soft.

 

Intorno al 2013-2014 ho realizzato una talea dalla pianta originaria ottenendo ovviamente le stesse caratteristiche; anche quella ha prodotto bene, ma pochi frutti in isolamento.

L'ho tagliata nel 2016, se non ricordo male.

 

Non ho ancora provato a seminare semi puri dalla pianta originaria; nel 2018 ho prodotto semi puri di C.eximium (a casa) e C.cardenasii CGN 20497 (a casa di mia mamma) e non avevo quindi spazio per coltivare "all'aperto" anche il Rocopica.

L'anno prossimo (2019) sara' dedicato ad un altro C.eximium (a casa), ma forse potrei coltivare un Rocopica a casa di mia mamma; vedremo ...

 

Chiudo segnalando che già W.H.Eshbaugh ha parlato in varie occasioni di incroci tra ulupica e C.pubescens con frutti piccoli e soft, ma senza indicare se presenti in natura.

Nel 2012 G.E.Barboza ha trovato "C.pubescens selvatici" nella riserva Apa Apa in Bolivia (ho le coordinate ...), sempre con frutti piccoli e rossi.

Anche il misterioso C.pubescens subsp. arachnoideum segnalato dalle parti di Mataral potrebbe essere una sorta di Rocopica; purtroppo non siamo riusciti a trovarlo e nemmeno ad ottenere immagini e informazioni da chi ha effettuato parte dei ritrovamenti.

 

 

 

 

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites
Oban
23 hours ago, Lonewolf said:

La pianta che ho coltivato fino a fine 2017 era la stessa talea che mi aveva regalato Dadomo.

Ok, mi sfuggiva questo particolare, la tua pianta quindi era del tutto identica, una replica di quella coltivata da Dadomo.

 

Quote

Nei primi anni non sono riuscito a produrre semi puri; i risultati nei sacchetti sono sempre stati scarsi, come pure quelli in serra a prova di insetto.

Solo nel 2017 ho prodotto una grande quantità di semi puri, grazie alla coltivazione "all'aperto" (con possibilità di impollinazione libera), ma senza alcuna pianta compatibile intorno (nessun C.pubescens, C.eximium o C.cardenasii).

Ok, però ripercorrendo come è avvenuta la replicazione a partire dalla pianta madre e sempre in purezza, abbiamo diverse generazioni che abbiamo avuto modo di valutare:

  1. Pianta madre, impossibile sapere se era nata da un incrocio appena effettuato (F1) o da generazioni successive (F2,F3,F4). Sto semplificando escludendo eventuali backcross, sempre possibili sia in natura che con impollinazioni forzate.
  2. I semi puri ottenuti dalla pianta madre hanno generato la pianta che è finita in serra antinsetto nel 2013. NB. Questi primi semi puri, sono del tutto identici a quelli appena prodotti nel 2017 dalla stessa pianta madre!
  3. I semi puri della serra 2013 li ho seminati io nel 2017 ed ho ottenuto 4 piante molto simili fra loro, se non identiche. Tre di queste piante erano in regime di monocoltura ed ho prodotto semi in purezza da tutte e tre le piante. Unico mio disappunto è che ho mescolato i semi puri delle tre piante, era meglio tenerli distinti.
  4. I miei semi puri 2017 sono stati seminati da Joefish nel 2018 ed hanno prodotto una pianta in linee con le aspettative anche se non è riuscito a replicare i semi.

 

Sei in grado di confermare questa sequenza di almeno 4 distinte generazioni del medesimo Rocopica?

 

 

Quote

In vari anni tra il 2008 e il 2012 avevo coltivato vari Rocopica da semi non puri, ottenendo una grande variabilità nei risultati, pur con frutti sempre piccoli, tondeggianti, rossi e soft.

È un po' quello che ho capito in questi anni, la grande eterogeneità di risultati ottenuti coltivando semi in libera impollinazione, sono dovuti principalmente agli effetti dell'impollinazione e non alla presunta instabilità del Rocopica che abbiamo modo di coltivare qui su PF da almeno un decennio.

Me lo confermi?

 

Quote

Intorno al 2013-2014 ho realizzato una talea dalla pianta originaria ottenendo ovviamente le stesse caratteristiche; anche quella ha prodotto bene, ma pochi frutti in isolamento.

L'ho tagliata nel 2016, se non ricordo male.

Puoi controllare se hai ancora questi specifici semi puri, anche se del tutto identici a quelli prodotti dalla pianta del punto 1, giusto?

 

 

Quote

Non ho ancora provato a seminare semi puri dalla pianta originaria; nel 2018 ho prodotto semi puri di C.eximium (a casa) e C.cardenasii CGN 20497 (a casa di mia mamma) e non avevo quindi spazio per coltivare "all'aperto" anche il Rocopica.

L'anno prossimo (2019) sara' dedicato ad un altro C.eximium (a casa), ma forse potrei coltivare un Rocopica a casa di mia mamma; vedremo ...

Se mai dovessi farlo in futuro, si potrebbe fare un confronto, coltivando assieme almeno tre generazioni successive alla pianta madre originaria:

  • Semi puri della tua monocoltura 2017
  • Semi puri ESASEM 2013, a me nel 2017 hanno germinato piuttosto bene.
  • Semi puri della mia monocoltura 2017

I risultati dovrebbero essere simili alla pianta originaria che conosciamo bene, che ne pensi?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Oban

Riporto in questo thread questi due post, qui sono sicuramente più pertinenti.

 

On 12/31/2018 at 12:07 PM, Rapace said:

 

Sono d' accordo........ ma il Rocopica Classico (o Rocopica semplicemente.....da dove arriva ?

 

Da Parma se ho capito......ma io dico ... da dove è arrivato a Parma ?

 

Forse da qui ? http://www.rocoto.com/oldsite/rocopica.html

 

On 12/31/2018 at 12:31 PM, Oban said:

Si giusto, fu un regalo che fece Mario Dadomo a Claudio in uno dei tanti incontri allo Stuard di Parma.

L'origine è sconosciuta e temo non sia possibile tracciarla, ma non lo vedo un problema, semmai aggiunge ulteriore fascino a questa pianta.

 

http://www.pepperfriends.com/forum/topic/1043-ccardenasii-ceximium-rocopica/?do=findComment&comment=344711

 

Quel tuo link presenta quasi tutte le caratteristiche in comune col Rocopica vetusto del quale parlo e che abbiamo replicato in purezza per 3 o 4 generazioni, documentandolo sul forum in questi anni.

 

Una caratteristica esclusiva che ho osservato in questi anni, è che non presenta gli spot giallognoli nei petali del fiore, il Rocopica classico ha il fiore, più o meno campanulato, ma sempre e solo viola e bianco.

 

Non è un carattere del fenotipo che può spuntar fuori da solo (gli spot nei petali derivano da un carattere che è monogenico dominante, se non ricordo male) quando viene replicato in purezza e a conferma di quanto ho asserito, si osservano quei fiori stupendi, viola con gli spot verdognoli tipici degli Ulupicas, solo nelle piante di Rocopica nate da semi in libera impollinazione oppure da specifici incroci tra Rocoto ed Ulupica e viceversa.

 

Per questo motivo mi risulta difficile pensare che derivi da quello in particolare, magari non ha la stessa origine ma i genitori che lo hanno originato non sono così distanti.

Mi date una vostra opinione in merito al penultimo paragrafo in particolare, se il ragionamento fatto sugli spot giallognoli dei fiori di Rocopica è corretto, se è privo di fondamento oppure è solo una mia forzatura?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace

 

2 hours ago, Oban said:

 

Una caratteristica esclusiva che ho osservato in questi anni, è che non presenta gli spot giallognoli nei petali del fiore, il Rocopica classico ha il fiore, più o meno campanulato, ma sempre e solo viola e bianco.

 

Non è un carattere del fenotipo che può spuntar fuori da solo (gli spot nei petali derivano da un carattere che è monogenico dominante, se non ricordo male) quando viene replicato in purezza e a conferma di quanto ho asserito, si osservano quei fiori stupendi, viola con gli spot verdognoli tipici degli Ulupicas, solo nelle piante di Rocopica nate da semi in libera impollinazione oppure da specifici incroci tra Rocoto ed Ulupica e viceversa.

 

Mi date una vostra opinione in merito in particolare, se il ragionamento fatto sugli spot giallognoli dei fiori di Rocopica è corretto, se è privo di fondamento oppure è solo una mia forzatura?

 

3 hours ago, Oban said:
  1. Pianta madre, impossibile sapere se era nata da un incrocio appena effettuato (F1) o da generazioni successive (F2,F3,F4). Sto semplificando escludendo eventuali backcross, sempre possibili sia in natura che con impollinazioni forzate.

 

Non posso parlare del Rocopica "Classico" (quello originale di Dadomo la cui talea è stata data all'epoca a Claudio) per esperienza diretta, perché ho coltivato varie piante di Rocopica ma mai da semi puri provenienti da tale pianta.

Molte volte ho avuto piante con fiori senza macchie, altre volte con macchie ma ... ovviamente non fa testo essendo i semi che hanno generato quelle piante non puri (e quindi ad esempio forse incroci con eximium con fiore con macchie).

 

Ma:

 

- Se l' incrocio è con un C.cardenasii (e dato che la campanulatura è presente direi che è molto probabile).

- Se il C.cardenasii presenta nel fiore le "macchie" (su questo non sono sicuro).

- Se le macchie nel fiore sono carattere monogenico dominante (come credo).

 

Allora

 

Si puo' escludere che il Rocopica "Classico" sia un incrocio F1..... perché altrimenti avrebbe "per forza" il carattere dominante delle macchie nel fiore.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf
3 hours ago, Oban said:

Ok, mi sfuggiva questo particolare, la tua pianta quindi era del tutto identica, una replica di quella coltivata da Dadomo.

 

Si

 

3 hours ago, Oban said:

Ok, però ripercorrendo come è avvenuta la replicazione a partire dalla pianta madre e sempre in purezza, abbiamo diverse generazioni che abbiamo avuto modo di valutare:

  1. Pianta madre, impossibile sapere se era nata da un incrocio appena effettuato (F1) o da generazioni successive (F2,F3,F4). Sto semplificando escludendo eventuali backcross, sempre possibili sia in natura che con impollinazioni forzate.
  2. I semi puri ottenuti dalla pianta madre hanno generato la pianta che è finita in serra antinsetto nel 2013. NB. Questi primi semi puri, sono del tutto identici a quelli appena prodotti nel 2017 dalla stessa pianta madre!
  3. I semi puri della serra 2013 li ho seminati io nel 2017 ed ho ottenuto 4 piante molto simili fra loro, se non identiche. Tre di queste piante erano in regime di monocoltura ed ho prodotto semi in purezza da tutte e tre le piante. Unico mio disappunto è che ho mescolato i semi puri delle tre piante, era meglio tenerli distinti.
  4. I miei semi puri 2017 sono stati seminati da Joefish nel 2018 ed hanno prodotto una pianta in linee con le aspettative anche se non è riuscito a replicare i semi.

 

Sei in grado di confermare questa sequenza di almeno 4 distinte generazioni del medesimo Rocopica?

 

Posso solo confermare che ho coltivato il Rocopica in serra a prova di insetto producendo un po' di semi puri (non tantissimi); al momento non ricordo l'anno.

Ho sicuramente prodotto semi puri anche a casa, prima del 2017, sempre pochi.

I risultati da quei semi li hai gia' confermati tu :)

 

 

3 hours ago, Oban said:

 

È un po' quello che ho capito in questi anni, la grande eterogeneità di risultati ottenuti coltivando semi in libera impollinazione, sono dovuti principalmente agli effetti dell'impollinazione e non alla presunta instabilità del Rocopica che abbiamo modo di coltivare qui su PF da almeno un decennio.

Me lo confermi?

 

Certo

 

3 hours ago, Oban said:

Puoi controllare se hai ancora questi specifici semi puri, anche se del tutto identici a quelli prodotti dalla pianta del punto 1, giusto?

 

Si

 

3 hours ago, Oban said:

 

Se mai dovessi farlo in futuro, si potrebbe fare un confronto, coltivando assieme almeno tre generazioni successive alla pianta madre originaria:

  • Semi puri della tua monocoltura 2017
  • Semi puri ESASEM 2013, a me nel 2017 hanno germinato piuttosto bene.
  • Semi puri della mia monocoltura 2017

I risultati dovrebbero essere simili alla pianta originaria che conosciamo bene, che ne pensi?

 

Ottima idea.

Preparo un kit di semi puri in qualsiasi modo derivati dalla talea originaria, per me e per chi vuole provare a verificare cosa ne esce.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Oban
21 minutes ago, Rapace said:

Se le macchie nel fiore sono carattere monogenico dominante (come credo).

Questo è acclarato, ma solo per la Baccatum Clade, da qui le mie perplessità a riguardo, non so se vale anche per la Purple Corolla clade o al wilds.

 

 

Non credo si possa scartare a priori che non ci sia un C.eximium come genitore di questo ibrido interspecifico.

 

Se fosse un ibrido naturale poi, le popolazioni di C.cardenasii selvatiche sono paragonabili a quelle di C.eximium nei paesi di origine?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf
16 minutes ago, Oban said:

le popolazioni di C.cardenasii selvatiche sono paragonabili a quelle di C.eximium nei paesi di origine?

 

Non mi è chiarissimo il senso della domanda, ma di certo in Bolivia le popolazioni di C.eximium sono di gran lunga più frequenti di quelle di C.cardenasii

I C.cardenasii sono limitati a pochissime aree nel nord del paese, i C.eximium ci sono un po' dappertutto, in particolare a sud.

Nelle aree che ho citato (Mataral e Apa apa) ci sono C.eximium, non C.cardenasii.

 

Il punto critico però è "dove sono coltivati i C.pubescens?" (non ho risposta).

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rapace
50 minutes ago, Oban said:

Questo è acclarato, ma solo per la Baccatum Clade, da qui le mie perplessità a riguardo, non so se vale anche per la Purple Corolla clade o al wilds.

Non credo si possa scartare a priori che non ci sia un C.eximium come genitore di questo ibrido interspecifico.

 

Si possono fare solo "speculazioni" poi da confermare o da scartare.....ma delle ipotesi di partenza si dovranno fare
Inizialmente quel Rocopica "Classico" veniva chiamato C.cardenasii....... e presenta (piu' o meno pronunciata) campanulatura nel fiore.

Inoltre, le foto del Rocopica di Mats Petersson che si trovano su internet (lui è uno dei due "indiziati" per la fornitura del primo Rocopica) parlano di incrocio con C.cardenasii

 

On 12/31/2018 at 3:07 PM, Lonewolf said:

 

Eventualmente possiamo chiedere a John, che e' ancora attivo da qualche parte; Mats invece non si sente in giro da almeno un decennio.

 

Veramente.... magari adesso non è in giro ... ma fino al 3 giugno 2017 almeno scriveva sul web..... di peperoncini.

Date un' occhiata qua..... non è recentissima ma qui ci sono foto di Mats (compreso di Rocopica)..... di un paio di anni fa (settembre 2016).

 

"The good old rocopica. A cross between Capsicum cardenasii and pubescens. "

http://chilesinstockholm.blogspot.com/2016/09/

 

Si trovano (cercando con Google Rocopica Mats) alcune foto di fiori e frutti di Rocopica...... la piu' vecchia che ho trovato è di Luglio 2004 ....  (il sito dove è pubblicata non è piu' accessibile, ma il motore di ricerca la trova..).

 

Non sono tantissime, ma magari riuscite a fare un confronto fra fiori e frutti di quelle foto e quelli del "Rocopica Classico"........

 

34 minutes ago, Lonewolf said:

 

Non mi è chiarissimo il senso della domanda, ma di certo in Bolivia le popolazioni di C.eximium sono di gran lunga più frequenti di quelle di C.cardenasii

I C.cardenasii sono limitati a pochissime aree nel nord del paese, i C.eximium ci sono un po' dappertutto, in particolare a sud.

Nelle aree che ho citato (Mataral e Apa apa) ci sono C.eximium, non C.cardenasii.

 

Il punto critico però è "dove sono coltivati i C.pubescens?" (non ho risposta).

 

 

Claudio, ma siamo "certi" che il Rocopica "Classico" sia arrivato dalla Bolivia e non - ad esempio - dal Peru' ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Oban
6 hours ago, Lonewolf said:

 

Non mi è chiarissimo il senso della domanda, ma di certo in Bolivia le popolazioni di C.eximium sono di gran lunga più frequenti di quelle di C.cardenasii

I C.cardenasii sono limitati a pochissime aree nel nord del paese, i C.eximium ci sono un po' dappertutto, in particolare a sud.

Nelle aree che ho citato (Mataral e Apa apa) ci sono C.eximium, non C.cardenasii.

 

Il punto critico però è "dove sono coltivati i C.pubescens?" (non ho risposta).

Hai ragione, ho scritto senza riflettere.

 

Tra l'altro hai sollevato esattamente la stessa obiezione che ho fatto in un altro contesto che non c'entra nulla con il Rocopica, te ne parlai all'orto PF lo scorso ottobre:

 

Il fatto che queste specie siano originarie di quelle nazioni e siano presenti diverse popolazioni di quelle specie, non vuol dire assolutamente che piante compatibili entrino in diretto contatto e generino un ibrido interspecifico.

Ammesso che sia un evento plausibile, non vuol dire che questa eventualità avvenga, oltretutto spontaneamente.

Se aggiungi che stati come la Bolivia o il Perù sono molto estesi e gli areali dei ritrovamenti sono anche molto distanti tra loro, questa ipotesi perde consistenza.

 

Ad ogni modo i Locoto venduti nei mercati boliviani, da qualche parte verranno pure coltivati e prodotti, mi sembra strano che un peperoncino così comune nella cultura locale boliviana, sia importato esclusivamente dall'estero.

Mi informo, anche se l'ipotesi che sia un ibrido spontaneo e che in qualche modo possa essere arrivato fino a noi, mi sembra alquanto improbabile, per le ragioni esposte sopra.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf

Credo, ma non sono sicuro, che i C.pubescens siano coltivati nella zona intorno a Cochabamba, non lontanissimo dagli areali di C.cardenasii.

In quella zona ancora non ci sono stato, vedremo se e quando ci sarà la possibilità.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf
14 hours ago, Rapace said:

Claudio, ma siamo "certi" che il Rocopica "Classico" sia arrivato dalla Bolivia e non - ad esempio - dal Peru' ?

 

In Perù non ci sono ulupica.

Il C.cardenasii è esclusivo della Bolivia.

I C.eximium sono presenti anche nel nord dell'Argentina e nord-ovest del Paraguay, ma non in Perù.

 

Comunque, per quel che ne sappiamo, l'incrocio che ha generato quello specifico Rocopica potrebbe anche essere avvenuto nella serra di Dadomo o a casa di Mats in Svezia :lol:

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lonewolf
14 hours ago, Rapace said:

Veramente.... magari adesso non è in giro ... ma fino al 3 giugno 2017 almeno scriveva sul web..... di peperoncini.

Date un' occhiata qua..... non è recentissima ma qui ci sono foto di Mats (compreso di Rocopica)..... di un paio di anni fa (settembre 2016).

 

"The good old rocopica. A cross between Capsicum cardenasii and pubescens. "

http://chilesinstockholm.blogspot.com/2016/09/

 

Caspita!

Mi fa piacere che Mats sia ancora attivo!

E' stato sicuramente un precursore.

Si rafforza l'ipotesi che sia lui la fonte dei semi utilizzati da Mario Dadomo; all'epoca (2005-2006) erano sicuramente in contatto e Mats era molto attivo (non a caso è stato uno dei primi iscritti in questo forum, nell'autunno 2007).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×